Cerca
Close this search box.

Champions League, andata quarti: Barcellona corsaro, spettacolo al Bernabeu

Condividi articolo:

Immagine di copertina: la delusione del PSG e l’esultanza del Barcellona

La conferma

Real Madrid-Manchester City è la finale anticipata della Champions: la sfida del Bernabeu ha confermato che le due corazzate, in mano per altro ai due migliori allenatori del mondo (Ancelotti e Guardiola) sono realmente le formazioni più forti del lotto. Il match in Spagna è stato uno spettacolo assoluto sotto tutti i punti di vista, come raccontiamo qui, e la sensazione è che anche ad Etihad ne vedremo delle belle…

La sorpresa

Non erano in molti a pensare che il Barcellona potesse fare lo sgambetto al PSG a Parigi. Invece, la squadra catalana ha saputo ribaltare lo svantaggio e imporsi trascinata da un immarcabile Raphinha. Nulla è ancora deciso, perché entrambe le formazioni procedono molto a strappi e dunque non è impossibile pensare che il PSG riesca a restituire lo scherzetto ai catalani in trasferta. Soprattutto se Mbappé giocherà davvero al suo livello, cosa che non è successa nel match di andata.

La delusione

Un’andata poco brillante per quelli che da molti sono considerati i tre migliori calciatori del globo: si illumina solo a tratti il fenomeno Mbappé, numero uno al mondo, nella sfida contro il Barcellona che il Psg perde clamorosamente in rimonta; malissimo Bellingham e Haaland, i peggiori nella super sfida del Bernabeu. Al ritorno riusciranno tutti e tre a riscattarsi?

Il protagonista

A Parigi brilla su tutti la stella di Raphinha, autore di due gol d’autore che spingono il Barcellona al successo: l’esterno brasiliano classe 1996 ha oramai definitivamente guadagnato il posto da titolare nello schieramento di Xavi, in un tridente sui generis che comprende il veterano bomber polacco Lewandowski e il giovanissimo talento Yamal.

La top 11

Seguici

Altre storie di Goals

Le 5 migliori squadre europee dal 1986 al 1990

La memoria collettiva italiana racconta gli anni ’80 come un’epoca trionfale, non senza fondamento, ma chi scrive ritiene indispensabili alcune precisazioni: se nel complesso il

1968 Semifinali: Jugoslavia-Inghilterra 1-0

Immagine di copertina: il gol decisivo di Dzajic Al termine di una semifinale poco emozionante, l’Inghilterra campione del mondo in carica e grande favorita viene

1968 Semifinale: Italia-Urss 0-0

Immagine di copertina: i capitani Facchetti e Shesternev prima del via L’Italia centra la finale dell’Europeo 68 grazie al lancio della monetina. La semifinale contro l’Unione

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua navigazione, se procedi nella navigazione ne accetti l'utilizzo.