Cerca
Close this search box.

1989 Girone finale: Brasile-Paraguay 3-0

Condividi articolo:

Immagine di copertina: un abbraccio tra Bebeto e Romário, i due grandi mattatori della partita

Dopo la vittoria sull’Argentina, il Brasile si ripete e schianta il Paraguay, salendo a 2 vittorie su 2 nel girone finale in coabitazione con l’Uruguay: il terzo match tra la Seleçao e la Celeste sarà quello decisivo per assegnare il titolo, una “finale” in un gruppo a 4 che riporta alla mente lo scenario del Mondiale 1950. Contro il Paraguay, i brasiliani dominano, anche se ogni tanto prendono qualche rischio di troppo in difesa e vengono graziati dalla scarsa mira dei giocatori biancorossi. In grande spolvero però la nazionale verdeoro dalla cintola in su, con Bebeto e Romario a fare la parte dei mattatori in prima linea.

Brasile: Taffarel – Aldair, Mauro Galvao, Ricardo Rocha – Mazinho, Valdo (st 28′ Alemao), Dunga, Silas, Branco – Bebeto, Romario (st 28′ Renato).
Paraguay: Fernandez – Delgado, Torales, Zabala, Jacquet – Canete (st 1′ Sanabria), Escobar, Guasch – Neffa, Ferreira, Franco.

Primo tempo
16′ GOL BRASILE
Manovra corale dei brasiliani, cross da destra di Silas, Bebeto di testa a centro area anticipa i difensori paraguaiani e mette dentro.
20′ chance per il Paraguay: Ferreira si infila nella difesa brasiliana sfruttando un lancio da dietro, supera Taffarel in pallonetto, Mauro Galvao in rovesciata allontana la minaccia. L’azione prosegue, la palla da Neffa arriva a Canete che si gira in area e calcia sul palo lontano, Taffarel si allunga e devia.
24′ occasione d’oro divorata da Silas, il centrocampista brasiliano solo davanti a Fernandez tenta un improbabile pallonetto e il pallone si perde sopra la traversa.
30′ numero di Romario al limite, assist a Valdo che apre a destra per Mazinho, cross in area, Romario gira in un fazzoletto di testa, ma Fernandez riesce a bloccare.
34′ fallo su Romario al limite, punizione a giro di Brando, Fernandez vola e devia in corner.
40′ Bebeto recupera un pallone nella propria metà campo e serve Valdo che accelera e apre poi a destra per Mazinho, cross sul secondo palo, Silas di testa manda alto. Dominio del Brasile adesso.
41′ Ricardo Rocha sul lato mancino per Silas, cross in area, Romario sbuca alle spalle dei difensori paraguaiani e tocca d’esterno sull’uscita di Fernandez, palla fuori di poco sul palo lontano.
42′ difesa del Brasile sorpresa da un pallone di Ferreira per Franco, che però solo davanti a Taffarel calcia clamorosamente a lato.
44′ Silas per Branco, cross in area da sinistra, Romario danza sul pallone, evita due avversari in uno spazio strettissimo ma si allarga troppo e calcia fuori sull’uscita di Fernandez.
45′ ancora Romario innesca Bebeto con un tocco delizioso, tiro a mezza altezza dal limite, fuori non di molto.

Romário in azione contro il Paraguay [https://2.bp.blogspot.com]

Secondo tempo
7′ GOL BRASILE
Valdo serve di punta in verticale Bebeto, che prende la mira sul primo palo e fa partire un missile imparabile che si infila nel “sette”.
11′ tentativo in mezza rovesciata, molto spettacolare, di Neffa dal limite: fuori di un metro.
14′ GOL BRASILE Cross di Mazinho da destra, Romario anticipa i difensori paraguaiani e infila l’angolino.
20′ altra azione magistrale del Brasile. La palla passa da Bebeto a Silas a Mazinho, cross sul secondo palo, Romario prova a colpire di testa, un difensore salva sulla linea. Azione però fermata dall’arbitro perché Romario in realtà aveva colpito con una mano.
22′ Romario controlla un lancio dalle retrovie, si accentra e calcia sul primo palo, pallone fuori di un soffio.
28′ altro tentativo di Neffa dal limite e ancora la palle esce non di molto. Non si dà per vinto l’attaccante del Paraguay, ma sembra l’unico dei suoi a provarci.
30′ cross di Mazinho da destra, Renato colpisce di testa, grande intervento d’istinto di Fernandez che evita il poker dei brasiliani.

LE PAGELLE BRASILE
IL MIGLIORE BEBETO 8
Due gol, il primo di rapina e il secondo da grande centravanti, slalomeggia di continuo nella difesa avversaria, offre duetti spettacolari in tandem con Romario e lo si trova persino nella propria metà campo a recuperare palloni. Ispiratissimo.
Silas-Valdo 7 Se Dunga (voto 6,5) è il cervello geometrico e compassato del gioco, loro due sono gli assalitori. Si inseriscono a spron battuto, servono gli assist per i primi due gol e propongono azioni pericolose a getto continuo. Armi totali.
Romario 7 Fiuta la preda e non dà scampo. Si accende a ondate, ma regala magie e nello stretto conferma di avere un controllo di palla e una tecnica da capogiro. Gol da opportunista vero, ne sfiora altri.
Branco-Mazinho 7 Prestazione da applausi anche per i due esterni brasiliani: cross, affondi, spunti in velocità. Mai domi.

LE PAGELLE PARAGUAY
IL MIGLIORE NEFFA 6,5
L’ultimo ad arrendersi, l’unico a crederci. Impegna severamente il terzetto difensivo del Brasile (non sempre attento), temibile dalla media e corta distanza, meriterebbe il gol anche per la spettacolare sforbiciata che termina a lato di poco.
Fernandez 6,5 Tre gol subiti, ma anche altri evitati con interventi notevoli. Lui di certo non ha colpe nella disfatta del Paraguay.
Guasch 5 Il faro dell’Olimpia Asuncion, due volte campione Libertadores, è travolto dal superiore dinamismo e impatto fisico dei centrocampisti brasiliani e può fare poco come il resto dei compagni di centrocampo.
Difesa 4,5 In balia delle giocate dei verdeoro, e in particolare dell’inafferrabile duo Bebeto-Romario, per tutto il match.

Gli highlights del match

Seguici

Altre storie di Goals

Euro 1968: finale Italia-Jugoslavia

La prima volta dell’Italia in Europa. È il 1968 e la nazionale batte la Jugoslavia a Roma conquistando il titolo europeo. Ecco il nostro podcast

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua navigazione, se procedi nella navigazione ne accetti l'utilizzo.