Mondiale, 2ª giornata: impresa Marocco, risale l’Argentina, super Mbappé

Condividi articolo:

Immagine di copertina: la singolare esultanza del Marocco dopo la clamorosa affermazione sul Belgio

La conferma

La Francia, trascinata dalla doppietta del suo fuoriclasse Mbappé, piega la Danimarca e si qualifica agli ottavi di finale con un turno d’anticipo. I transalpini, nonostante le assenze illustri, si confermano una squadra solida e che vive di fiammate letali, armi con le quali ha portato a casa il titolo quattro anni fa e che la candidano per arrivare fino al traguardo anche in Qatar. L’assenza di Benzema è stata finora colmata alla grande da un Oliver Giroud perfettamente funzionale al gioco di Deschamps, e con un Rabiot tirato a lucido come non mai anche la mancanza di Kanté e Pogba sembra fare meno male. Il Brasile, orfano di Neymar, soffre più del previsto contro una Svizzera coriacea e scorbutica: gli elvetici per lunghi tratti della partita hanno impedito ai verdeoro di scatenare la loro tecnica e velocità supersonica e vengono piegati solamente da Casemiro nel finale. Continuo a reputare la Seleçao la grande favorita per la vittoria finale, per completezza di reparti (difesa inclusa, non proprio la specialità tradizionale della casa), qualità dei singoli e arsenale a disposizione. La Spagna, dopo la sbornia del 7-0 contro il Costa Rica, fa una bella figura nel pareggio contro una Germania ferita nell’orgoglio che la costringe a lottare nel fango: sciorina un bel calcio, fatto di fraseggi palla a terra e guizzi dei suoi talentini offensivi, anche se ancora una volta spreca troppo. Respira la Croazia, che dopo lo scialbo pareggio della prima giornata si impone con un roboante 4-1 sul Canada, e soprattutto l‘Argentina: il colpo da fuoriclasse di Messi salva la Seleccion dalla palude messicana nella quale si stava impantanando, vittima delle sue insicurezze e delle sue mancanze, e la tiene in corsa per un posto agli ottavi.

La delusione

Nonostante la qualificazione sia ancora ampiamente alla sua portata, l’Inghilterra è una delle delusioni di questa giornata: non riesce ad andare oltre ad un grigio 0-0 con gli USA, esprimendo un gioco farraginoso e poco brillante in fase offensiva. Saka, Bellingham e Sterling non sono quelli dell’andata. Colpisce soprattutto l’assenza di Foden, il giocatore più forte e più adatto a certi palcoscenici nonostante la giovane età, a cui Southgate non concede nemmeno un minuto. Gli inglesi, apparsi fortemente ridimensionati dopo la goleada con l’Iran, hanno bisogno della sua fantasia e della sua imprevedibilità. Il Belgio, dopo la vittoria poco convincente con il Canada, cade meritatamente contro il Marocco e paga un clima teso e uno spogliatoio in subbuglio: c’è una sensazione di gelido autunno, che si sta abbattendo su una generazione incompiuta. La sensazione di amarezza per “qualcosa che avrebbe potuto essere” e che molto probabilmente “non sarà mai” deprime anche Kevin De Bruyne, davvero irriconoscibile rispetto agli standard mancuniani. Infine l’Uruguay: la Celeste non disputa nemmeno una brutta partita, anzi. Ha le sue occasioni ed è molto sfortunata sugli episodi-chiave (il gollonzo di Bruno Fernandes, il palo colpito, l’incredibile giocata di Bentancur, il rigore molto generoso concesso ai lusitani per il 2-0), ma i fasti dello scorso decennio sono lontani, e tutto quel che rimane è una sensazione di “vorrei ma non posso”.

La sorpresa

Se le sorprese della scorsa giornata (Arabia Saudita e Giappone) non sono riuscite a ripetersi, anzi, ce ne sono altre che meritano applausi, a partire dal Marocco, che piega il Belgio, trascinato da un bravissimo Ziyech. Tanti applausi anche all’Iran, che domina uno spento Galles, con ritmo e intensità atletica. Pirotecnica e spettacolare (forse la più di tutte sinora) è stata Camerun-Serbia, che ha inaspettatamente regalato perle ed emozioni: una su tutte lo straordinario gol in pallonetto del centravanti camerunese Aboubakar, che entra a gara in corso e diventa il protagonista del match con un gol e un assist. Concludo con una menzione ad Harry Maguire: il difensore inglese ha disputato un’altra ottima partita in fase difensiva ed è sembrato tutt’altro giocatore rispetto alla versione bersagliata e insicura dei Red Devils. La sua convocazione, a scapito di giocatori più quotati come Smalling e Tomori, aveva fatto storcere il naso un po’ a tutti, ma sinora il centrale inglese è una delle note più positive di tutta l’Inghilterra.

Il protagonista

Anche a costo di essere banali, non possiamo non nominare Kylian Mbappé: doppietta “sporca”, devastante in campo aperto, sempre al centro del gioco. A 23 anni i gol ai mondiali sono già sette, e sembra non volersi fermare.

La top 11

Seguici

Altre storie di Goals

Diego Armando Maradona, genio eterno

È stato uno dei più straordinari fuoriclasse della storia. Un genio capace delle magie più impensabili, ma anche vittima di una vita sempre condotta al

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua navigazione, se procedi nella navigazione ne accetti l'utilizzo.