Mondiale 2022, 1ª giornata: Spagna settebellezze, Brasile meraviglião, flop Argentina e Germania

Condividi articolo:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Immagine di copertina: l’esultanza dell’Arabia Saudita

La conferma

Non si può che partire dalle squadre che già fecero bene al Mondiale di Russia: la Francia campione mondiale in carica, che dopo un lieve spavento iniziale, ha rimontato e macinato l’Australia piegandola con un inequivocabile 4-1. La parte del leone è toccata al milanista Giroud, che nel 2018 non segnò mai, ma che in Qatar ha inaugurato il Mondiale con una grande doppietta. Benissimo anche Mbappé, autore di una rete e di altre giocate di pregio. Sugli scudi anche l’Inghilterra, che finì quarta in Russia, e ha iniziato il suo Mondiale seppellendo di reti l’Iran: 6-2. Non era andata benissimo 4 anni fa (fuori agli ottavi) la Spagna, che ha nel frattempo avviato un nuovo ciclo ed è partita a mille: 7-0 al Costarica. Dulcis in fundo, forse la squadra che ha impressionato di più – anche alla luce della forza dell’avversario – è stato il Brasile, capace di battere la Serbia 2-0 dopo un sontuoso secondo tempo.

La sorpresa

Le sorprese della prima giornata sono state essenzialmente due. Due vittorie in rimonta e in fotocopia. I successi di Arabia Saudita e Giappone contro Argentina e Germania. Quella dei sauditi, ritenuti alla vigilia la formazione forse più debole del lotto, è ancora più clamorosa, un 2-1 frutto di due gol pazzeschi nel secondo tempo, di una grande organizzata data dal tecnico francese Renard e di un’assoluta inadeguatezza della difesa e del centrocampo argentini. Un filo meno sorprendente l’affermazione dei giapponesi: alcuni sono giocatori di respiro internazionale (soprattutto in Germania, per altro…) e i tedeschi non sono nuovi, negli ultimi tempi, a inattesi scivoloni. In sede di pronostico, non a caso, avevamo indicato nel girone E uno di quelli più soggetti a sorprese…

La delusione

Rivoltando la medaglia, le delusioni non possono essere che Argentina e Germania. Dell’Albiceleste capace di vincere la Coppa América con merito e autorevolezza nel 2021 e inanellare 36 risultati utili consecutivi si sono perse le tracce all’esordio Mondiale (soprattutto nel secondo tempo) e simile è stato il rendimento della Germania, sprecona nei primi 45 minuti e poi beffata dopo il giro di boa. Tra i singoli, pollice verso per Robert Lewandowski, che ha sprecato un rigore contro il Messico: la sua Polonia ha così dovuto accontentarsi dello 0-0.

Il protagonista

Si ricorderà questo giorno per tutta la vita: Salem Al-Dawsari, autore della rete decisiva contro l’Argentina (e che gol, una sassata terra-aria dal limite), è stato il protagonista assolutamente inatteso della prima giornata. Suo alter ego nipponico è stato Takuma Asano, attaccante del Bochum e del Giappone, che ha “bucato” Neuer con un gol da posizione difficilissima. Impossibile non menzionare anche Richarlison, autore di una doppietta nel Brasile, di cui il secondo gol una vera gemma in pieno futebol bailado.

La top 11

Per risultati e classifiche, clicca qui

Seguici

Altre storie di Goals

Anni Mondiali – Argentina 1978

Seconda puntata con il podcast di Paolo Palazzo su Argentina 1978, il Mondiale di Menotti, Kempes e Passarella, della prima vittoria dell’Albiceleste, ma anche di

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua navigazione, se procedi nella navigazione ne accetti l'utilizzo.