1979 Semifinali andata: Paraguay-Brasile 2-1

Condividi articolo:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Immagine di copertina: una formazione del Paraguay della Coppa América 1979

Vittoria di misura ma meritatissima del Paraguay contro un Brasile che, orfano di Zico, non riesce a fare breccia nella strenua difesa guaranì ed è costretto ad arrendersi. Partita tattica e chiusa, con poche occasioni ed emozioni, con la squadra di casa brava a capitalizzare una certa superiorità nella prima fase e poi capace di difendersi con grande ordine e attenzione nel secondo tempo. Da evidenziare soprattutto la spettacolare rovesciata di Eugenio Morel che apre le danze e dà il via al successo paraguayano.

Paraguay: Fernandez – Espinola, Cibin, Sosa, Torales – Torres (st 29′ Romerito), Florentin, Talavera – Isasi, M. Morel (st 30′ Pesoa), E. Morel.
Brasile: Leao – Toninho, Amaral, Edinho, Pedrinho – Chicao, Falcao, Tarciso – Jair (st 13′ Palhinha), Socratese, Eder (st 3′ Zé Sergio).

Primo tempo
16′ GOL PARAGUAY
Cross da destra di Isasi, Eugenio Morel si coordina ed effettua una meravigliosa rovesciata, la palla sbatte sulla parte interna della traversa e si infila in rete. Gol spettacolare.
24′ ancora una chance per i padroni di casa: Edinho perde palla a sinistra sulla pressione di Melciades Morel, assist a rimorchio per l’accorrente Torres, tiro rimpallato. Il pallone sul secondo palo giunge ancora a Eugenio Morel, diagonale di sinistro, Amaral spazza quasi sulla linea. Il Brasile fatica a fare gioco soprattutto in mezzo al campo contro la “garra” messa in campo dai paraguayani.
26′ si fa vedere anche il Brasile: slalom sulla trequarti di Socrates, assist a Jair, tiro potente a mezza altezza, Fernandez c’è.
33′ tentativo da fuori di Torres, Emerson Leao blocca sicuro.
35′ GOL PARAGUAY Assist delizioso di Isasi in area per Talavera, che batte Emerson Leao con un tocco morbido sul palo lontano.

Secondo tempo
24′
Socratese dal limite serve a sinistra Palhinha, tiro forte sul primo palo, Fernandez respinge e si salva in angolo. Per oltre 20 minuti il Brasile ha tenuto il possesso palla senza mai riuscire a sfondare. Ottima la difesa del Paraguay.
27′ tentativo di Melciades Morel da sinistra, blocca Emerson Leao.
30′ Socratese per Zé Sergio, tiro-cross sul primo palo, Fernandez si rifugia ancora in angolo. Il Brasile sta provando ad aumentare un po’ i ritmi.
34′ GOL BRASILE Cross splendido di Zé Sergio da sinistra, Palhinha si inserisce di testa bruciando i difensori del Paraguay e mette dentro.

LE PAGELLE PARAGUAY
IL MIGLIORE EUGENIO MOREL 7
Il gol vale da solo il prezzo del biglietto, una rovesciata fantastica che non dà scampo a Emerson Leao e indirizza in modo decisivo l’incontro. Sfiora il bis in diagonale qualche minuto dopo, ma è provvidenziale il salvataggio di Amaral.
Isasi 7 Una spina nel fianco del Brasile per larghi tratti, autore di entrambi gli assist risolutivi.
Sosa 6,5 Muro al centro della difesa, sale decisamente di colpi nella ripresa quando il Brasile prova a prendere in mano le operazioni e aumentare la pressione. Senso della posizione e affidabilissimo nel gioco aereo.
Fernandez 6,5 Sicuro e concentrato, nel finale chiude bene i varchi e fiacca i tentativi avversari di rientrare in gara.

LE PAGELLE BRASILE
IL MIGLIORE PALHINHA 6,5
Gol (splendido) a parte, il suo ingresso alza il tasso di pericolosità offensiva dei suoi. Sarebbe stato meglio schierarlo dal via, anche per avere una punta vera nel cuore dell’area.
Amaral 6,5 Centrale elegante, ma anche di spessore. Salva alcune situazioni intricate, deciso negli interventi difensivi e valido anche in fase di impostazione.
Socrates 6 Agisce da “falso nueve”, parte al centro dell’attacco poi arretra e raffina la manovra sulla trequarti. Alcune aperture e assist di ottima fattura.
Falcao 5,5 Primo tempo di enorme difficoltà contro la superiore verve dei padroni di casa. Tenta di riscattarsi nella ripresa entrando maggiormente nel vivo delle operazioni, ma non è un pomeriggio indimenticabile per il futuro romanista.
Eder 5 Decisamente fuori partita, non si accende mai sull’out di sinistra e viene sostituito dal più guizzante Zé Sergio (6,5).

Seguici

Altre storie di Goals

Claudio Gentile, grinta e carattere sul tetto del mondo

A quarant’anni dal trionfo azzurro in Spagna, Claudio Gentile ci svela i segreti delle marcature su Maradona e Zico e gli episodi più significativi di una carriera condotta fra campo e panchina all’insegna della determinazione e del carattere

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua navigazione, se procedi nella navigazione ne accetti l'utilizzo.