1996 Finale: Juventus-Ajax Amsterdam 5-3 dcr (1-1)

Condividi articolo:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su whatsapp

La Juventus alza al cielo la sua seconda Coppa dei Campioni/Champions League della sua storia nella splendida cornice dell’Olimpico di Roma. La squadra di Marcello Lippi si è dimostrata ampiamente superiore all’Ajax nell’arco dei 120 minuti di gioco, anche se non è riuscita a capitalizzare le occasioni avute dopo il vantaggio di Fabrizio Ravanelli. Gli olandesi hanno giocato spesso solo di contropiede e solamente tra il pareggio di Litmanen e i primi dieci minuti della ripresa hanno avuto in mano il pallino del gioco e hanno fatto meglio dei bianconeri. La Juventus alza questo trofeo dopo una partita di cuore e di grinta, con un po’ più di fortuna avrebbe potuto portarla a casa entro i tempi regolamentari. Questa finale passa alla storia come una delle partite più rappresentative dell’era Lippi: sangue, sudore, compattezza, splendidamente rappresentati da Moreno Torricelli che disputa la partita della vita. Il calcio olandese di Van Gaal, giocato dai “ragazzi terribili” con qualità, velocità e palleggio, si è inchinato di fronte alla sostanza tutta italiana della Juventus.

La squadra titolare della Juventus nella finale di Roma 1996

Juventus: Peruzzi, Ferrara C., Pessotto, Torricelli, Vierchowod, Paulo Sousa (Di Livio), Deschamps, Conte (Jugovic), Vialli, Del Piero, Ravanelli (Padovano). In panchina: Rampulla, Porrini.
Ajax: Van der Sar, Silooy, Blind, De Boer F. (Scholten), Bogarde, De Boer R. (Wooter), Finidi, Davids, Kanu, Litmanen, Musampa (Kluivert). In panchina: Grim, Van den Bergh.

Primo tempo
3’ Torricelli verticalizza per Del Piero sull’out di destra, il 10 bianconero controlla e serve Conte in sovrapposizione che va al cross, ma la palla è deviata e termina in calcio d’angolo. 
7’ Cannonata di sinistro dai 25 metri di Moreno Torricelli, Van Der Sar non è perfetto nella parata e non allontana la sfera, la palla giunge a Ravanelli, che in corsa spara con il sinistro, palla sul fondo. Buona occasione per la Vecchia Signora.
13’ GOL JUVENUTS Fatale incomprensione tra Van Der Sar e Frank De Boer, Fabrizio Ravanelli si incunea tra i due e da posizione angolatissima tocca con il destro, la palla supera la linea di porta rendendo inutile il tentativo disperato di salvataggio di Siloy. Vantaggio bianconero meritato.
20’ Finidi scende dalla fascia destra vincendo il duello con Pessotto e crossa al centro, la palla arriva a Masampa che tira in corsa dalla fascia opposta: sinistro non potentissimo, Peruzzi blocca senza troppi patemi.
24’ Ottimo spunto a sinistra di Del Piero, che vince un corpo a corpo con Bogarde, sradicandogli il pallone dai piedi. Il 10 bianconero punta l’area, ma viene abbattuto da Bogarde, che lo stende.
32’ Musampa va in velocità a sinistra dopo aver vinto per la prima volta un duello con Torricelli, crossa con il sinistro un pallone molto pericoloso, Deschamps spazza via.
33’ Mischia e rimpalli in area bianconera, la palla arriva a Kanu che di testa scavalca un Peruzzi leggermente fuori dai pali. Il portiere bianconero è lesto però con un colpo di reni a recuperare e a smanacciare la palla a pochi centimetri dalla linea di porta. Brivido.
36’ Del Piero sulla trequarti lavora benissimo un pallone per l’inserimento di Deschamps, il centrocampista francese calcia un diagonale sporco, Van Der Sar tocca con la punta delle dita e salva i suoi dal 2-0.
40’ GOL DELL’AJAX punizione mancina di De Boer, Peruzzi allontana malissimo con i pugni, la palla rimane lì, Litmanen la protegge con il corpo e tocca con il destro nell’angolo alla sinistra del portiere. Pareggio dei Lancieri, 1-1.

Secondo tempo
5’ Cross di Torricelli dalla destra, Vierchowod tocca per Ferrara, che colpisce di testa. Palla centrale, nessun problema per Van Der Sar.
12’ Di Livio, appena subentrato a Paulo Sousa, scarica un destro potente da lontano. Palla che esce di metri alla sinistra del portiere.
17’ Bellissimo spunto da Ravanelli sulla linea di fondo: dribbling secco su Bogarde e palla in mezzo per Vialli, che si incarta e strozza il tiro che finisce docile tra le braccia di Van Der Sar.
27’ Percussione di Jugovic a centrocampo che trova Vialli al limite dell’area, il capitano bianconero gira a sinistra per Del Piero che controlla e scarica un potente sinistro centrale, il portiere dell’Ajax respinge con i pugni.
29’ Torricelli pesca Vialli in area, che prova la girata, beccando il muro della squadra olandese. La palla arriva di nuovo al terzino bianconero, ma il suo destro finisce largo dalla parte opposta.
40’ Clamoroso errore di Gianluca Vialli, che, dopo una discesa da sinistra di Padovano, anticipa Van Der Sar mandandolo fuori tempo, ma a porta vuota con il sinistro manda il pallone sul fondo. Poteva essere il gol del vantaggio, a cinque minuti dalla fine.
41’ Percussione incredibile di Torricelli sulla fascia destra, cross per Padovano che di testa da buona posizione manda alto.

Primo tempo supplementare
6’ Wooter da sinistra mostra un ottimo spunto palla al piede, si accentra e tira con il destro, palla sul fondo alla destra di Peruzzi.

Secondo tempo supplementare
5’
Calcio di punizione di Jugovic, palla deviata da Kanu in barriera che passa velenosissima a pochi centimetri dal palo alla sinistra di Van Der Sar. Il portiere olandese era immobile.
11’ Finidi trova lo spunto sulla fascia e mette in mezzo il pallone, sfruttando una deviazione. Kluivert sfugge alla marcatura dei centrali ma la palla gli sbatte addosso e va sul fondo.
16’ Padovano dal lato sinistro dell’area mette al centro per Del Piero che calcia a botta sicura quasi a occhi chiusi. Il tiro parte bene, ma finisce quasi casualmente tra le braccia di Van Der Sar. Sfortunatissimo qui Pinturicchio.

Fabrizio Ravanelli festeggiato dai compagni dopo il gol del vantaggio

RIGORI

Davids (A): parato
Ferrara (J): gol
Litmanen (A): gol
Pessotto (J): gol
Scholten (A): gol
Padovano (J): gol.
Silooy (A): parato
Jugovic (J): gol.

Angelo Peruzzi neutralizza due dei quattro rigori finali. E’ lui l’eroe che si merita la copertina.

LE PAGELLE JUVENTUS

IL MIGLIORE PERUZZI 7,5 Partita abbastanza contraddittoria la sua: non è esente da sbavature durante la partita, anche se poi è bravo a rimediare (vedi l’intervento su Kanu). Sbaglia malamente in occasione del gol di Litmanen, ma neutralizza ben due rigori. L’eroe non può che essere lui.

Torricelli 7,5 E’ l’eroe che non ti aspetti. A sinistra non concede quasi nulla né a Musampa né a Ronald De Boer. Nel secondo tempo spinge come una locomotiva sulla fascia destra, creando pericoli più volte. La classe operaia va in paradiso.

Ravanelli 7 Esce stremato prima del novantesimo, dopo una partita di movimento, strappi palla al piede, corsa, oltre allo straordinario gol di opportunismo e precisione che fa esplodere il tifo juventino.

Del Piero 6,5 Il principale protagonista della cavalcata bianconera gioca un grande primo tempo in entrambe le fasi, alternando ottimi spunti con la palla a ripiegamenti difensivi e legna da mediano. Nella ripresa e nei supplementari la stanchezza si fa sentire e Alex cala in lucidità e precisione. 

Vialli 5,5 La generosità del capitano è commovente, non si tira mai indietro nella lotta e se c’è da sbattersi lo fa. Come nella finale di Wembley nel 1992, però, per quanto riguarda le conclusioni a rete è decisamente in giornata no: clamorosa quella fallita sul finale dei tempi regolamentari. Fortunatamente, però, a differenza di quattro anni prima, stavolta l’esito è stato diverso.

LE PAGELLE AJAX

IL MIGLIORE LITMANEN 6,5 Segna un gol di classe e opportunismo, il suo nono nella competizione, ed è sempre lucido nelle giocate, anche se appare e scompare nella partita.

FINIDI 6 Il suo duello con Pessotto sulla fascia è appassionante e finisce in pari e patta. Il piemontese talvolta lo limita, ma altre volte il 7 dell’Ajax riesce ad avere la meglio e a creare pericoli.

KANU 5,5 Non si vede molto, ma sfiora il gol con una parabola di testa sulla quale Peruzzi si esalta per metterci una pezza. Per il resto, tanto movimento, ma anche tanta sofferenza in mezzo ai centrali della Juve.

DAVIDS 5,5 Il giocatore promesso sposo del Milan doveva essere uno dei punti di forza della squadra di Van Gaal, ma per tutto il primo tempo è l’uomo in meno, sull’orlo di una crisi di nervi. Nella ripresa va un po’ meglio, anche se non è mai davvero sui suoi standard abituali. Ai rigori si fa parare il tiro da Peruzzi.

KLUIVERT 4,5 Entra ad inizio secondo tempo, ma viene completamente annullato da Ferrara e Vierchowod, che non lo fanno neanche respirare. Sfugge dalla morsa una sola volta, ma si muove goffamente e manda sul fondo una buona opportunità. Mezzo disastro.

Seguici

Altre storie di Goals

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua navigazione, se procedi nella navigazione ne accetti l'utilizzo.