Libertadores 1988 Finale andata: Newell’s Old Boys-Nacional Montevideo 1-0

Condividi articolo:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Gli argentini del Newell’s si impongono di misura nella finale di andata al termine di una partita intensa dal punto di vista agonistico e dei ritmi, anche se non così esaltante sul piano delle emozioni e dei contenuti tecnici. Poche le occasioni da rete, anzi da parte degli uruguaiani (che pure tengono di più il possesso palla) non si segnalano di fatto conclusioni pericolose nello specchio della porta argentina. Decisivo un gol di Gabrich al quarto d’ora della ripresa, rete favorita dal 19enne Batistuta, destinato a una carriera importante sul suolo europeo.

Newell’s Old Boys: Scoponi – Llop, Theiler, Pautasso, Sensini – Martino (st 36′ Fullana), Rossi, Franco – Alfaro – Batistuta, Almiron (st 1′ Gabrich).
Nacional Montevideo: Seré – Saldanha, Revelez, De Leon, Soca – Ostolaza, Lemos, De Lima, Cardaccio – Castro, Vargas (st 44′ Carreno).

Primo tempo
3′
Alfaro tenta di sorprendere Seré da lontano, ma il portiere del Nacional con un balzo all’indietro riesce a deviare sulla traversa. Brivido per i tifosi uruguaiani.
25′ scambio tra Martino e Batistuta, palla allungata ad Almiron, tiro in corsa con il sinistro, fuori. Il match stenta a decollare. Il Newell’s ci sta provando di più, ma in maniera piuttosto timida. Nacional in controllo.
38′ altra occasione per il Newell’s: punizione da centrocampo di Theiler, Franco colpisce di testa, il pallone viene deviato da un difensore uruguagio ed esce di poco sul fondo.

Jorge Theiler, colonna del Newell’s [https://ar.pinterest.com]

Secondo tempo
9′
De Lima per Cardaccio, pallone fuori di un metro. Primo tentativo vero del Nacional.
15′ GOL NEWELL’S Franco prolunga sulla trequarti per Batistuta, che calcia al volo di controbalzo da fuori area, Seré respinge con difficoltà e il neo entrato Gabrich infila da pochi passi.
23′ cross di Gabrich da destra, sponda di Batistuta per Franco, che da buona posizione calcia male con uno strano pallonetto: pallone sul fondo.
33′ Alfaro innesca Gabrich,che viene fermato da un difensore, arriva in corsa Batistuta, che prende la mira con il destro e calcia di potenza, volo plastico di Seré, che devia in angolo. Grande azione di contropiede degli argentini, di fatto l’ultima emozione di un incontro tattico e con pochi lampi.

Gabriel Omar Batistuta

LE PAGELLE NEWELL’S OLD BOYS
IL MIGLIORE THEILER 6,5
Centrale difensivo con licenza di attaccare. Annulla i poco efficaci attaccanti uruguaiani e si concede il lusso di orchestrare la manovra davanti alla difesa. Solido e concentrato. Buona prova anche di Sensini (6,5) sulla fascia mancina, giocatore che avrebbe disputato annate importanti nel campionato italiano.
Martino 6,5 Metronomo del gioco, tocca numerosi palloni e mette in campo intelligenza e senso pratico.
Batistuta 6,5 A 19 anni mostra numeri notevoli, soprattutto in termini di potenza di tiro e progressione. Poche cose, ma determinanti. Su tutte, il fendente di controbalzo che costringe Seré a una respinta affannosa e favorisce il tapin di Gabrich da pochi passi.
Almiron 5 Disinnescato dalla difesa ospite, si vede poco e nell’intervallo viene sostituito. Gabrich (6,5) al posto suo ravviva la manovra e trova la rete del successo.

LE PAGELLE NACIONAL MONTEVIDEO
IL MIGLIORE DE LEON 6,5
Muro invalicabile in difesa e condottiero della squadra. I compagni si affidano a lui quando devono impostare. Peccato che la sua regia porti a poco perché il Nacional, che dopo il gol di Gabrich tiene molto di più il pallino del gioco in mano, non riesca mai a portare veri pericoli dalle parti di Scoponi.
Lemos 6,5 Uno dei più brillanti del Nacional, abbina dinamismo e valide giocate sul piano tecnico, con alcuni spunti individuali degni di nota.
Vargas 5 Non si vede mai, il Newell’s in difesa gioca un match accorto e lo costringe a girare alla larga. Da parte dell’allenatore uruguaiano sarebbe servita qualche mossa diversa per cambiare le carte in tavola vista le difficoltà dei suoi a trovare la via del gol.

Il gol decisivo di Gabrich

Seguici

Altre storie di Goals

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua navigazione, se procedi nella navigazione ne accetti l'utilizzo.