Libertadores 1984 Finale andata: Gremio-Independiente 0-1

Condividi articolo:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Immagine di copertina: il gol di Burruchaga [www.locoxelrojo.com]

Colpaccio dell’Independiente in casa dei campioni in carica del Gremio nella finale di andata della Libertadores 1984. Gli argentini, che dal 1971 al 1975 vinsero quattro volte il trofeo, si portano dunque nuovamente a un passo dal titolo: nella partita di ritorno in casa basterà loro il pareggio. Trait d’union tra i due cicli il veterano Ricardo Bochini, che a 30 anni, delizia la platea ed è ancora il migliore in campo: suo lo splendido assist per il gol-partita di Burruchaga, sue le giocate tecnicamente più raffinate dell’incontro.

Gremio: Marcos – Casemiro, Baidek, De Leon, Paulo Cesar – China, Osvaldo, Luis Carlos – Renato, Guilherme (st 20′ Gilson), Tarciso.
Independiente: Goyen – Clausen, Villaverde, Trossero, Enrique – Giusti, Marangoni – Burruchaga, Bochini, Buffarini – Barberon (st 34′ Reinoso).

Primo tempo
15′
Bochini innesca Giusti, che vince un rimpallo e calcia da lontano: palla di poco alta. Dopo una fase iniziale di predominio territoriale del Gremio, la prima occasione è però dell’Independiente.
24′ GOL INDEPENDIENTE Guilherme perde un sanguinoso pallone sulla trequarti, Marangoni serve Bochini, che con un assist delizioso innesca in area Burruchaga, tocco sotto sull’uscita di Marcos e palla in rete.
28′ Tarciso fa da sponda per Guilherme, missile da fuori area, Goyen vola e devia in angolo. Dal corner batte lo stesso Tarciso, la palla attraversa tutta l’area e non trova compagni pronti per la deviazione sotto misura.
32′ grande azione dell’Independiente, da Enrique a Bochini, che pesca a sinistra Buffarini, cross in mezzo all’area, Barberon incrocia con il destro a botta sicura, Marcos riesce miracolosamente a deviare sul palo con una mano.
35′ Osvaldo innesca sulla destra Renato, che accelera lasciando sul posto Enrique e calcia in corsa, Goyen respinge.
38′ spunto di Renato a destra, cross sul secondo palo, colpo di testa di Guilherme da ottima posizione ma un po’ fiacco, Goyen neutralizza.
40′ chance per Baidek che ci prova da lontano, ancora Goyen blocca in due tempi. Insiste il Gremio.
42′ scambio sontuoso Trossero-Bochini-Trossero, tiro da fuori, Marcos respinge, Barberon si fionda sulla respinta e calcia, ma ancora il portiere brasiliano dice no con i piedi.
45′ triangolo Osvaldo-Luis Carlos-Osvaldo, sponda aerea in area per Guilherme che calcia al volo, Goyen devia con una mano.

Secondo tempo
15′
proiettile da fuori area di China, Goyen non si fa sorprendere.
25′ Bochini verticalizza per Barberon, conclusione in corsa, Marcos neutralizza.
40′ triangolo splendido tra Bochini e Burruchaga, Bochini arriva davanti a Marcos, ma invece che tirare tocca indietro ancora per Burruchaga, conclusione violenta e a colpo sicuro, sulla linea di testa respinge miracolosamente Luis Carlos. L’Independiente nel secondo tempo ha legittimato il vantaggio.
44′ ancora una grande azione corale della squadra argentina porta al tiro in area Burruchaga e ancora Marcos si oppone con il corpo.

Il veterano dell’Independiente Ricardo Bochini: classe ed esperienza al servizio del collettivo

LE PAGELLE GREMIO
IL MIGLIORE MARCOS 7
Se il Gremio tiene ancora aperto uno spiraglio per la vittoria della coppa, lo deve ai guizzi e ai riflessi del suo portiere. Fiacca tutti i tentativi dell’Independiente da vicino e da lontano, limitando il passivo a un solo gol di scarto.
Osvaldo 6 Dirige il traffico con lucidità in mezzo al campo, provando a proporsi in avanti.
Renato 5,5 Qualche spunto isolato, soprattutto nel primo tempo. Ma in generale non lascia tracce evidenti.
Guilherme 5 Poco efficace al tiro, ha il demerito di perdere il pallone che dà il via al gol argentino.

LE PAGELLE INDEPENDIENTE
IL MIGLIORE BOCHINI 7
L’arte al potere. Regista mobile, smista una gran quantità di palloni e ogni tocco è un mix di qualità tecnica e intelligenza. Splendido l’assist con cui manda in gol Burruchaga. Tecnicamente è di un’altra categoria.
Burruchaga 7 Incisivo, scattante come una molla, determinante in zona gol con lo scavetto di classe che determina una vittoria che vale platino. Vicinissimo al bis due volte nella ripresa, ma trova sulla sua strada prima Luis Carlos sulla linea e poi Marcos.
Giusti-Marangoni 6,5 Perno centrale dell’Independiente, abbinano fosforo e “garra”. Lavoro preziosissimo nella cucitura del gioco tra la linea difensiva e la batteria dei trequartisti.

Il gol partita di Burruchaga

Seguici

Altre storie di Goals

Bayern Monaco: no Bomber, no party

Gerd Müller e Robert Lewandowski, a distanza di 44 anni l’uno dall’altro, si sono rivelati accomunati da un comune destino, ovvero quello di non aver potuto completare le loro splendide stagioni per la gloria del Bayern Monaco.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua navigazione, se procedi nella navigazione ne accetti l'utilizzo.