Libertadores 1982 Finale ritorno: Cobreloa-Penarol 0-1

Condividi articolo:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Immagine di copertina: il gol decisivo del bomber Fernando Morena
[https://www.ciudaddeldeporte.com]

Con un guizzo del bomber Morena al 90′ il Penarol conquista la Coppa Libertadores dopo 16 anni. Il Cobreloa, dopo la sconfitta nel 1981 contro il Flamengo, viene ancora beffato sul rettilineo finale. Partita tattica e non molto entusiasmante sul piano del gioco, in linea con lo 0-0 dell’andata. I cileni mantengono maggiormente il possesso palla e costruiscono più occasioni, ma trovano sulla loro strada un ottimo Fernandez, portiere uruguagio. Poi in contropiede e all’ultimo minuto la rete di Morena.

Cobreloa: Wirth – Tabilo (st 14′ Letelier), E. Gomez, Alarcon, Escobar – Rubio, Soto, Merello, R. Gomez – Siviero, Olivera (st 14′ Martinez).
Penarol: Fernandez – Diogo, Olivera, Gutierrez, Morales – Vargas (pt 32′ Rodriguez), Bossio, Saralegui, Ramos – Jair – Morena.

Primo tempo
1′
subito una chance per il Penarol, Jair avanza e calcia di destro, Wirth devia in angolo.
23′ accelerazione per vie centrali di Ricardo Gomez, che triangola con Siviero, entra in area ma viene murato dalla provvidenziale uscita di Fernandez. Match a ritmi bassi. Tanto tatticismo finora.
25′ ancora Cobreloa pericoloso: corner da sinistra di Ricardo Gomez, la difesa uruguagia mette fuori, tentativo di Merello, Fernandez vola e salva in corner.

Una fase dell’incontro [https://www.tokyvideo.com]

Secondo tempo
3′
corner da sinistra di Ricardo Gomez, colpo di testa di Olivera, la palla esce sul fondo non di molto. Il Cobreloa mantiene di più il possesso palla e continua a essere più temibile, Penarol tutto arroccato dietro.
8′ si fanno vedere gli uruguagi in attacco: lancio dalle retrovie, Escobar respinge di testa, Morena calcia di prima intenzione dal limite, Wirth abbranca in presa.
17′ cross di Ramos da destra, colpo di testa di Olivera: alto. Meglio il Penarol adesso, Cobreloa un po’ in difficoltà.
30′ Ricardo Gomez calcia dal limite, Letelier in area piccola non riesce a girare verso la porta di Fernandez e la palla sfila sul fondo.
38′ Fernandez blocca un destro di Martinez un po’ velleitario. Il match si sta trascinando stancamente fino al 90′.
41′ Soto vince una serie di rimpalli e serve in area Letelier, tiro a mezza altezza, Fernandez blocca con grande sicurezza.
45′ GOL PENAROL Fuga di Ramos sulla destra, cross in area, la difesa cilena è colta di sorpresa e Morena tocca in rete sull’uscita di Wirth. Pazzesca conclusione di partita, Penarol campione.

LE PAGELLE COBRELOA
IL MIGLIORE RICARDO GOMEZ 6,5
Il fantasista del Cobreloa è il più vivace e temibile dei suoi. Illumina la scena con tocchi sapienti e si fa vedere con pericolosità nell’area uruguagia. Peccato che la squadra manchi un po’ di pericolosità in prima linea.
Soto 6,5 Solido e continuo, il capitano non molla fino al 90′. Perno del centrocampo. Buono anche il primo tempo di Merello, che però cala nella ripresa (voto 5,5).
Olivera-Siviero 5 I due attaccanti cileni vengono contenuti dalla difesa ospite e non riescono a portare grandi pericoli.

LE PAGELLE PENAROL
IL MIGLIORE MORENA 7
Un falco che colpisce nel momento clou. Fa le prove generali del gol a inizio del secondo tempo, poi al 90′ piazza la stoccata risolutiva. Determinante.
Fernandez 7 Il successo del Penarol va diviso equamente tra Morena e Fernandez, perché prima del gol dell’attaccante è il portiere aurinegro a salvare la propria porta con alcuni ottimi interventi. Solido ed efficace.
Ramos 6,5 Assist per il gol e alcune ottime ripartenze palla al piede.
Diogo 6,5 Terzino destro, gioca spesso di anticipo e sbroglia alcune situazioni spinose. Uno dei migliori.
Jair 5 La nota negativa del trionfo del Penarol. Il fantasista brasiliano non riesce mai a entrare in partita, presenza impalpabile tra le linee.

Il gol decisivo di Morena

Seguici

Altre storie di Goals

Johan Cruijff, l’uomo orchestra

Veloce, moderno, universale, innovativo, essenziale. Vi portiamo alla scoperta del numero 14 più famoso del mondo. Perché dopo di lui il calcio non è stato più lo stesso

Lo stratega Trapattoni

Vincente, esuberante, simpatico, flessibile mentalmente e tatticamente: alla scoperta di Giovanni Trapattoni, un autentico maestro della panchina

La top 11 dei primi 20 anni del 21° secolo

Nella foto di copertina: Messi e Cristiano Ronaldo, i due dominatori del 21° secolo[www.ultimouomo.com] Vent’anni di calcio nel 21° secolo. E noi di GameofGoals abbiamo

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua navigazione, se procedi nella navigazione ne accetti l'utilizzo.