Libertadores 1982 Seconda fase: River Plate-Flamengo 0-3

Condividi articolo:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Immagine di copertina: Lico, migliore in campo [https://trivela.com.br]

Gara spettacolare a Buenos Aires tra River e Flamengo. I brasiliani si impongono 3-0, i padroni di casa meriterebbero un passivo decisamente meno pesante, ma non riescono a perforare la difesa, vuoi per clamorosi errori di mira, vuoi per la buona tenuta della retroguardia avversaria. Ulteriore nota di merito per il Flamengo è che riesca a imporsi nettamente pur con uno Zico non brillantissimo, al di là del gol segnato.

River Plate: Puentedura – Tarantini, Saporiti, Gallego, Olarticoechea – Bulleri, Merlo, Gordillo (st 25′ Garcia) – Alzamendi, Chaparro (st 1′ Vieta), Commisso.
Flamengo: Cantarele – Leandro, Marinho, Mozer, Junior – Andrade, Adilio – Luisinho, Zico (st 35′ Peu), Lico – Nunes.

Primo tempo
6′
River in avanti: Alzamendi tenta di sorprendere da fuori Cantareli, il portiere brasiliano respinge, Junior perde il pallone, ne approfitta ancora Alzamendi, che calcia debolmente tra le braccia dell’estremo difensore ospite.
11′ Merlo apre il gioco a sinistra per Olarticoechea, che avanza, si accentra e calcia appena dentro l’area, palla fuori sul primo palo. Buon River in questo avvio.
12′ GOL FLAMENGO Zico apre a destra per Luisinho, che salta Olarticoechea, entra in area e mette in mezzo un pallone forte e teso, Lico da pochi passi mette dentro. Il Flamengo passa alla prima occasione utile.
14′ punizione-missile da fuori di Bulleri, Cantareli devia in angolo. Dalla bandierina cross ancora di Bulleri, la difesa del Flamengo non riesce a liberare, tentativo di testa in tuffo di un giocatore argentino, Leandro salva quasi sulla linea.
16′ Alzamendi salta ancora Junior, cross sul secondo palo, Chaparro elude l’intervento di Leandro e calcia in diagonale, palla a lato non di molto.
18′ Zico apre per Leandro, cross sul secondo palo, Nunes mette in mezzo in qualche modo, ci prova Lico, ma Puentedura devia con una mano. Match ricco di emozioni.
19′ triangolo Chaparro-Commisso-Bulleri, tiro di quest’ultimo alto di poco.
22′ corner di Bulleri da destra, Alzamendi segna con una mano. Rete giustamente annullata. Insiste comunque il River.
31′ Alzamendi si destreggia in area, tocco a Commisso, che è disturbato da un difensore brasiliano e calcia a lato da ottima posizione.
32′ corner da destra di Bulleri, ancora lo scatenato Alzamendi si inserisce in area, ma da pochi passi manda clamorosamente fuori di testa.
34′ azione palla a terra notevole del Flamengo: da Nunes sulla sinistra per Marinho, cross basso in area, Zico manca l’intervento in scivolata, recupera Luisinho che serve Adilio, palla in mezzo a Lico, che supera un difensore in pallonetto, tenta di fare lo stesso sull’uscita di Puentedura, ma il portiere argentino salva con una mano. Scatta un contropiede velocissimo del River, Alzamendi pesca sul secondo palo Chaparro, uscita tempestiva di Cantarele che sporca la traiettoria del passaggio e salva i suoi.
35′ altro gol annullato ad Alzamendi per una spinta su Mozer.

I giornali celebrano l’impresa del Flamengo in Argentina

Secondo tempo
3′
Alzamendi apre a sinistra per Bulleri, che cerca ancora Alzamendi in area, tiro sporco e palla che esce non di molto.
5′ GOL FLAMENGO Lancio di Lico per Zico che vince un contrasto con Saporiti e da fuori sorprende Puentedura con un tiro sul primo palo.
12′ contropiede del Flamengo: Luisinho si invola verso la porta, ma Puentedura lo ferma fuori dall’area salvando con le mani. Punizione di Zico piuttosto telefonata, blocca il portiere argentino. Il gol del 2-0 è stata una mazzata per il River, che dà l’idea di non riuscire più ad attaccare con la stessa intensità di prima.
22′ occasione clamorosa per il River, con un colpo di testa di Gallego sotto misura, palla fuori di un soffio. Forse la miglior chance della partita per gli argentini, ancora una volta imprecisi sottoporta.
27′ numero a destra di Alzamendi, che salta di netto Junior e serve centralmente Vieta, destro incrociato sul primo palo, Cantarele c’è.
31′ Zico apre a destra per Nunes, che si accentra e ci prova con il destro, palla fuori di un metro.
32′ fallo di Adilio al limite: punizione teleguidata di Zico, Puentedura si getta sul primo palo e salva con un guizzo.
44′ GOL FLAMENGO Discesa a sinistra di Lico, che entra in area e serve in mezzo Nunes tutto solo, l’attaccante brasiliano stoppa e fulmina Puentedura.

LE PAGELLE RIVER PLATE
IL MIGLIORE ALZAMENDI 7
Qualche errore sottoporta – uno in particolare da matita blu nel primo tempo – ma nel complesso è un furetto imprendibile per la difesa brasiliana. Mette ripetutamente in crisi un monumento come Junior, crea pericoli costanti, serve un mare di palloni invitanti ai compagni. Saetta.
Bulleri 6,5 Pendolo e ragionatore, tocca un mare di palloni per vie centrali, batte quasi tutti i calci piazzati e dai suoi piedi partono numerose azioni pericolose.
Tarantini 6,5 Una certezza sull’out di destra, sicuramente più affidabile dell’incerto Olarticoechea (voto 5) sull’altro versante. Nel finale chiude con efficacia anche alcune spinose situazioni al centro.
Chaparro 5 Ectoplasma in avanti, si divora alcune ghiotte occasioni e ha vita dura contro la classe di Mozer.

LE PAGELLE FLAMENGO
IL MIGLIORE LICO 7,5
Gol di rapina per l’1-0, lancia Zico con un tocco magico per il bis, chiude una giornata da grande protagonista con la discesa sul lato mancino e l’assist comodo per il tris di Nunes. Sentenza.
Mozer-Leandro 7 Due muri contro cui è estremamente difficile passare. Il primo gioca perfettamente d’anticipo e quando non ci riesce interviene sempre con grande efficacia sugli attaccanti argentini; il secondo chiude ogni varco possibile sulla corsia di destra e spinge con un certo profitto.
Zico 6,5 Va a strappi. Avvia l’azione dell’1-0, sigla il 2-0 con un tiro “furbo” da lontano, sfiora un altro gol con una punizione delle sue. Ma non fa altro.
Andrade 5,5 A Roma sarà famoso con il soprannome di “Er moviola”. In effetti appare lento, gioca solo orizzontalmente e spesso è in ritardo.
Junior 5 Buono in fase di propulsione offensiva, ma in difesa Alzamendi lo fa secco quando vuole. Nonostante il largo successo dei suoi, vive una giornata di assoluta difficoltà.

La sintesi dell’incontro

Seguici

Altre storie di Goals

Quanto è stato grande Ferenc Puskás?

Precoce, talentuoso, longevo. Carismatico come Cristiano Ronaldo, geniale come Messi. Vi raccontiamo chi era Ferenc Puskás: una leggenda che non dovrà mai essere dimenticata

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua navigazione, se procedi nella navigazione ne accetti l'utilizzo.