1967 Finale spareggio: Racing Avellaneda-Nacional Montevideo 2-1

Condividi articolo:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su whatsapp

La formazione del Racing 1967 [www.afa.com.ar]

A Santiago del Cile il Racing si laurea campione del Sudamerica. Gli argentini meritano il successo disputando un grande primo tempo, in cui si portano sul 2-0 e costruiscono altre occasioni. Tardiva la reazione del Nacional, che solo nel finale, e dopo un errore del fin lì ottimo Perfumo, riescono ad accorciare le distanze.

Racing Avellaneda: Cejas – Martin, Perfumo, Basile, Diaz – Mori, Rulli, Maschio – Cardenas – Cardoso (st 20′ Parenti), Raffo.
Nacional Montevideo: Dominguez – Ubina, Manicera, Alvarez, Mujica – Castillo, Viera – Urruzmendi, Celio, Esparrago, Morales (st 1′ Oyardiola).

Primo tempo
5′ primo squillo del Racing: cross di Cardenas da sinistra, uscita decisiva di Dominguez che anticipa il tapin da pochi passi di Raffo.
8′ occasione d’oro per il Racing: tiro da fuori di Mori rimpallato, Cardoso è solo in area e calcia da pochi passi addosso a Dominguez che riesce anche a bloccare.
14′ GOL RACING Falo di Ubina su Maschio a sinistra: punizione vellutata di Cardenas, colpo di testa di Cardoso che riscatta l’errore precedente e realizza.
18′ si fa vedere anche il Nacional: punizione sulla trequarti di Mujica, assist a Viera, destro da lontano, palla fuori non di molto.
31′ scambio dal corner Urruzmendi-Mujica-Urruzmendi, tiro sul primo palo: a lato non di molto.
33′ Mori per Cardenas, cross da destra, colpo di testa di Cardoso, Dominguez vola e devia in angolo con un riflesso felino.
35′ errore in disimpegno di Manicera, ne approfitta Cardenas, che arma il destro da fuori, grande risposta di Dominguez in tuffo.
43′ GOL RACING Cardenas innesca al limite Raffo, che scarta Castillo, vince un rimpallo con Manicera e batte Dominguez in diagonale. Il Racing corona un primo tempo dominato con il gol della sicurezza.

Una fase dell’incontro
[www.afa.com.ar]

Secondo tempo
10′ tentativo da sinistra di Mujica, tiro-cross pericoloso, Cejas si rifugia in angolo. Dalla bandierina, Alvarez stacca di testa, Martin respinge sulla linea e poi si oppone ancora a un tiro da distanza ravvicinata di Esparrago. Il Nacional sta provando a riaprire la partita.
18′ destro dentro l’area di Viera, Cejas neutralizza in due tempi.
24′ contropiede pericoloso del Racing ancora sull’asse Mori-Cardenas, cross a centro area per Raffo, che calcia a lato da ottima posizione arrivando in corsa.
25′ punizione di Celio da sinistra, tiro forte e teso, Cejas blocca a terra.
34′ GOL NACIONAL Perfumo scivola sul pallone al limite, ne approfitta Viera, che entra in area e fulmina Cejas in diagonale.
35′ punizione a giro dal lato destro di Mujica, Cejas con un guizzo devia in angolo. Adesso ci crede il Nacional, che nel secondo tempo ha esercitato una grande pressione sulla difesa argentina.
45′ calcio da fuori con il destro a giro di Celio, Cejas si allunga e salva in angolo.

LE PAGELLE RACING AVELLANEDA
IL MIGLIORE CARDENAS 7: si conferma l’elemento in più del Racing sul fronte offensivo. Si muove ovunque, mette lo zampino in quasi tutte le azioni d’attacco e serve i due assist decisivi. Determinante.
Cardoso 6,5: apre le danze con la rete dell’1-0, sfiora il bis che gli viene negato da un grande intervento di Dominguez e appare più mobile dell’altra punta Raffo.
Cejas 6,5: diventa grande protagonista nel finale respingendo un paio di insidiose minacce della squadra uruguagia.
Perfumo 6: con Cardenas era stato il migliore in campo, un muro capace di respingere qualsiasi pericolo, fortissimo negli anticipi e nel senso della posizione. Peccato che rovini tutto con quel liscio clamoroso al limite che concede il gol a Viera. Come difensore conferma comunque grandissime doti.
Maschio 6: disputa un primo tempo a ottimi livelli, procurandosi per altro la punizione da cui nasce il vantaggio. Nella ripresa esce un po’ dai giochi.

LE PAGELLE NACIONAL MONTEVIDEO
IL MIGLIORE MUJICA 7: tosto, continuo, propositivo. In difesa è quello che rischia meno. In attacco si inserisce con efficacia sull’out di competenza. Temibile anche sui calci piazzati.
Viera 6,5: lotta fino al 90′ e corona una prestazione gagliarda con il gol della speranza. Il più positivo dei centrocampisti uruguagi.
Dominguez 6,5: se nel primo tempo i suoi non affondano definitivamente è merito di alcuni suoi ottimi interventi.
Manicera 5: nella partita di ritorno era stato il migliore del Nacional, ma in questo match di spareggio appare piuttosto in difficoltà. Nel primo tempo gli attaccanti del Racing lo mandano ripetutamente in tilt, come in occasione del 2-0 di Raffo.

La sintesi della finale

Seguici

Altre storie di Goals

Quanto è stato grande Ferenc Puskás?

Precoce, talentuoso, longevo. Carismatico come Cristiano Ronaldo, geniale come Messi. Vi raccontiamo chi era Ferenc Puskás: una leggenda che non dovrà mai essere dimenticata

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua navigazione, se procedi nella navigazione ne accetti l'utilizzo.