1967 Finale ritorno: Nacional Montevideo-Racing Avellaneda 0-0

Condividi articolo:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Dopo lo 0-0 maturato ad Avellaneda, stesso risultato anche nella finale di ritorno a Montevideo nella Libertadores 1967. Per il regolamento dell’epoca è così necessario uno spareggio da giocare in campo neutro, a Santiago del Cile, per stabilire la nuova regina del Sudamerica. A Montevideo va in scena un match poco emozionante e tecnico, molto maschio, con falli e nervosismo, tra due formazioni provenienti da mondi rivali, Uruguay e Argentina.

Nacional Montevideo: Dominguez – Ubinas, Manicera, Alvarez, Mujica – Castillo, Viera, Celio, Urruzmendi – Esparrago, Sosa.
Racing Avellaneda: Cejas – Martin, Basile, Perfumo, Diaz – Cardenas, Rulli, Mori, Maschio – Cardoso, Raffo.

Primo tempo
10′ sponda di Raffo per Diaz, conclusione al volo dal limite: fuori. Match finora molto tattico, le due squadre si stanno ancora studiando.
19′ Cardenas a sinistra per Caroso, cross basso, arriva Mori in corsa, diagonale a lato. Partita spezzettata e nervosa, con continui falli e un clima da rissa. L’arbitro sta faticando per tenere in pugno l’incontro.
32′ tentativo di Cardoso da fuori, Dominguez blocca in due tempi evitando il tapin di Cardenas.
37′ Viera per Celio, conclusione da fuori, Cejas neutralizza a terra.
40′ punizione dalla trequarti di Mujica, palla in area, Sosa calcia di prima intenzione, alto non di molto.

Secondo tempo
6′ Cardenas per Rulli, lancio a Cardoso, che si libera in pallonetto di un avversario al limite ma calcia a lato da ottima posizione.
12′ punizione di Mujica da sinistra, irrompe Alvarez, che schiaccia di testa, la palla esce non di molto sul palo lontano. È finora la migliore occasione da gol per gli uruguaiani.
25′ insiste il Nacional: colpo di testa di Celio per Esparrago, che gira sempre di testa, Cejas non si fa sorprendere.
40′ Cardoso per Cardenas, destro sul primo palo, Dominguez c’è.

Una fase dell’incontro [www.pinterest.it]

LE PAGELLE NACIONAL MONTEVIDEO
IL MIGLIORE MANICERA 7: le difese dominano decisamente sugli attacchi in questa finale. Il libero del Nacional non sbaglia un intervento, anzi: spesso riesce a uscire dall’area in modo elegante azionando il gioco in ripartenza. Autorevole.
Ubina-Mujica 6,5: i due esterni difensivi del Nacional chiudono con ordine e si fanno vedere non poco in fase di spinta. Tra i più continui.
Viera 6: in mezzo al campo prova a far valere la sua fisicità. Match pari con i centrocampisti ospiti.
Sosa-Esparrago 5: provano a farsi largo nelle maglie della difesa del Racing, ma trovano pane per i loro denti. Poche occasioni per mettersi in mostra e mai incisivi quando si tratta di colpire.

Alfio Basile, colonna difensiva del Racing

LE PAGELLE RACING AVELLANEDA 
IL MIGLIORE BASILE 7: governa il reparto con una calma serafica, abbinando un regale senso della posizione, respingendo numerosi palloni ed evitando così problemi alla porta difesa da Cejas.
Cardenas 6,5: si conferma uno degli elementi di maggior estro di questa squadra, quasi tutti i palloni più interessanti del Racing in fase offensiva transitano dai suoi piedi.
Rulli 6,5: frangiflutti davanti alla difesa, sovente è un centrale aggiunto. Mai una sbavatura, sempre molto presente e concentrato in entrambe le fasi di gioco.
Perfumo 6,5: la coppia con Basile è collaudatissima. A volte un po’ ruvido, ma nel complesso tiene bene l’ariete Sosa.
Maschio 5,5: si rende utile nei ripiegamenti in fase di non possesso palla, ma in attacco combina poco.

Seguici

Altre storie di Goals

Quanto è stato grande Ferenc Puskás?

Precoce, talentuoso, longevo. Carismatico come Cristiano Ronaldo, geniale come Messi. Vi raccontiamo chi era Ferenc Puskás: una leggenda che non dovrà mai essere dimenticata

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua navigazione, se procedi nella navigazione ne accetti l'utilizzo.