1991 Quarti ritorno: Olympique Marsiglia-Milan 1-0

Condividi articolo:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Waddle in azione: l’inglese è stato il migliore in campo [http://tdifh.blogspot.com/]

Finisce l’epopea europa del Milan di Sacchi. I rossoneri perdono a Marsiglia 1-0, dopo l’1-1 di San Siro, e vengono eliminati dalla coppa. Il match termina due minuti prima del previsto, a causa del blackout dell’impianto di illuminazione del Velodrome, fatto che porta la società rossonera a ritirare la squadra. A seguito di questa decisione, l’Uefa squalificherà il Milan per un anno dalle coppe europee. Sul campo, ad ogni modo, la qualificazione dei francesi è meritata contro un Milan incapace di produrre gioco e occasioni.


Olympique Marsiglia: Olmeta – Amoros, Mozer, Bolì, Di Meco – Waddle, Germain, Casoni, Fournier (st 35′ Vercruysse) – Abdedì Pelè, Papin.
Milan: Rossi – Tassotti, Baresi, Costacurta, Maldini – Donadoni (st 27′ Simone), Rijkaard, Ancelotti (st 10′ Massaro), Evani – Gullit, De Agostini.

Primo tempo
2′ break a sinistra di Germain, cross in mezzo, Abedì Pelè si coordina al volo, ma calcia alto da ottima posizione.
5′ Fournier inganna il fuorigioco del Milan e pennella un cross sul secondo palo, Bolì non ci arriva per un soffio. Inizio scoppiettante del Marsiglia.
28′ bel pallone in profondità di De Agostini sulla sinistra per Evani, cross in mezzo, Gullit anticipa Olmeta, ma manda alto di testa. Match tattico con poche occasioni.
32′ punizione di Fournier da sinistra, colpo di testa di Germain alto di pochissimo.
47′ assist di Donadoni da destra, Rijkaard cerca l’angolino con il sinistro, conclusione debole e Olmeta blocca a terra.

Secondo tempo
13′ splendida punizione di Evani dal limite, Olmeta vola e con un sontuoso colpo di reni devia in angolo. Il Milan sta cercando di alzare i ritmi di una partita piuttosto contratta.
22′ lancio dalle retrovie per Papin, che elude il fuorigioco milanista e si presenta solo davanti a Rossi. L’attaccante francese si allunga però troppo il pallone e il portiere rossonero riesce ad allontanare.
30′ GOL OLYMPIQUE MARSIGLIA Cross di Abedì Pelè da sinistra, Papin di testa allunga sul secondo palo a Waddle, che si coordina e scocca un diagonale imprendibile che si infila sul palo lontano. Gol meraviglioso.
43′ Papin salta Costacurta e si invola verso la porta, serve centralmente Vercruysse pronto a battere a rete, Maldini da dietro all’ultimo momento interviene e riesce a deviare il pallone in corner. Il Milan non c’è più, Marsiglia in controllo.
45′ azione straordinaria di Waddle, che salta tutta la difesa del Milan, ma si allunga troppo la palla che esce sul fondo. Smette di funzionare uno dei riflettori dello stadio e l’arbitro fischia la fine in anticipo sui due minuti di recupero previsti.

Ancelotti intervistato dalla RAI a fine gara

LE PAGELLE OLYMPIQUE MARSIGLIA
IL MIGLIORE WADDLE 7,5: mette a ferro e fuoco la difesa del Milan, realizza un gol splendido e nel finale si produce in un coast to coast che a momenti non regala il 2-0. Oltre alle prodezze sul campo, è un capopopolo perché più volte incita il pubblico del Velodrome.
Mozer 7: un muro contro cui sbattono sistematicamente gli attacchi rossoneri. Il centrale brasiliano non sbaglia davvero nulla, chiudendo con autorevolezza tutti gli spazi.
Fournier 6,5: attivo e brillante, soprattutto nei primi 45′. Dai suoi piedi partono diverse azioni. Furetto.
Olmeta 6,5: la parata su Evani vale come un gol. Splendido il colpo di reni con cui toglie letteralmente la palla da sotto la traversa.
Abedi Pelè 6,5: parte a tutta, sembra molto ispirato sulle prime. Poi cala ed esce dal vivo del gioco. Ha comunque il merito di avviare l’azione del gol.
Papin 6: primo tempo in ombra, nella ripresa cresce fino a servire a Waddle l’assist della vittoria.

LE PAGELLE MILAN
IL MIGLIORE EVANI 6,5: pochi fronzoli, tanta sostanza e una punizione meravigliosa che Olmeta sventa con un tuffo prodigioso: è la miglior occasione del Milan.
Baresi 6: in chiara difficoltà nella prima frazione, quando commette errori non da lui. Nella ripresa è uno dei pochi che prova ad alzare il baricentro e a lottare su ogni pallone. Non sempre lucido, però caparbio.
Maldini 5,5: gioca un match discreto, provando a proporsi anche in avanti. E’ però in ritardo sul fendente di Waddle che vale l’1-0. Nel finale evita il 2-0 dei francesi con un intervento da dietro prodigioso.
Gullit-Rijkaard 5: giornata decisamente negativa per i due olandesi del Milan. Il primo si vede pochissimo in prima linea, il secondo è stranamente in difficoltà sul piano fisico ed è sopraffatto dalla verve dei centrocampisti di casa.
Ancelotti 4,5: il peggiore in campo, sempre in ritardo, non riesce mai a trovare i tempi per la giocata e Sacchi giustamente lo toglie.

La sintesi del match

Seguici

Altre storie di Goals

1960: Racing Parigi-Santos 1-4

Nella finale del torneo di Parigi del 1960 (al quale hanno partecipato anche l’altra formazione francese del Reims e i bulgari del Sofia), il Santos

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua navigazione, se procedi nella navigazione ne accetti l'utilizzo.