1991 Sedicesimi ritorno: Ujpest Dozsa-Napoli 0-2

Condividi articolo:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Alemao, autore di un grande gol e migliore in campo
[https://footballyesterdayandtoday.blogspot.com]

Forte del 3-0 maturato all’andata, il Napoli gioca sul velluto il match di ritorno contro i modesti ungheresi dell’Ujpest Dosza e si impone 2-0. Decidono nel primo tempo le reti di Incocciati e Alemao, quest’ultimo autore di un grandissimo gol in slalom e della solita prestazione a tutto tondo. Il brasiliano è il migliore in campo. Tutto facile per la squadra azzurra, che nel prossimo turno affronterà i russi dello Spartak Mosca.

Ujpest Dozsa: Brockhauser – Huszarik (st 31′ Vigh), Szezlak, Szabo, Kosa – Miovecz, Veber, Varga, Kecskes – Oroszki, Eszenyi.
Napoli: Galli – Ferrara, Baroni, Venturin, Francini – Crippa, De Napoli, Alemao, Incocciati – Careca (st 17′ Silenzi), Maradona.

Primo tempo
13′ GOL NAPOLI
Bel triangolo Incocciati-Careca-Incocciati, sventola di sinistro e la palla si infila in rete, piegando le dita del portiere Brockhauser.
31′ Veber scambia con Kecskes dopo un calcio d’angolo da destra e calcia in porta: fuori non di molto. Gara a ritmi bassi, l’Ujpest tenta almeno di salvare l’onore delle armi.
32′ Careca per Maradona, che cerca con un pallonetto di servire Incocciati, un difensore ungherese sporca il pallone, ma non riesce a deviarlo in modo efficace, Incocciati viene però anticipato in angolo da Brockhauser.
35′ GOL NAPOLI Crippa dal lato destro di centrocampo serve Alemao, che accelera, scarta un difensore e il portiere Brockhauser e mette dentro. Gran gol del centrocampista brasiliano.

Il portiere Giovanni Galli durante il match

Secondo tempo
6′
guizzo di Maradona, che serve a destra De Napoli, tiro a mezza altezza, Brockhauser devia in angolo.
9′ Kecskes apre a destra per Miovecz, tiro di controbalzo dal limite, Galli c’è.
16′ punizione di Alemao da destra sul secondo palo, stacca Baroni, pallone di poco fuori in diagonale.
20′ Maradona intercetta un pallone sulla trequarti, brucia Kosa, ma viene rimontato dal recupero di Kecskes e calcia a lato di punta solo davanti a Brockhauser.
28′ tentativo da fuori di Szezlak, Galli c’è.
36′ ci prova Vigh da lontano, conclusione centrale, Galli respinge. L’Ujpest sta cercando almeno di segnare un gol.
37′ tracciante da fuori di Veber, Galli devia.
44′ Ujpest vicina al gol: punizione da centrocampo, sponda di Miovecz per Eszenyi viene anticipato da un difensore del Napoli e il pallone sfila sul fondo sfiorando il palo.

LE PAGELLE UJPEST DOZSA
IL MIGLIORE KERCSKES 6,5
Sulla fascia sinistra non si risparmia mai, lottando su tutti i palloni e percorrendo chilometri. Uno dei più brillanti, soprattutto nel primo tempo.
Veber 6 Discreta gestione del traffico e un tiro che impegna Galli nel finale.
Eszenyi 5 Il più dotato tecnicamente nelle file ungheresi, ma fa davvero poco per mettersi in mostra. La difesa del Napoli lo argina senza alcuna difficoltà.

LE PAGELLE NAPOLI
IL MIGLIORE ALEMAO 7
Solito caterpillar in mezzo al campo, è il pendolo della manovra e smista un mare di palloni. Impreziosisce la sua partita con un gol splendido, in slalom, degno del Maradona del Mondiale ’86…
Venturin 6,5 Gioca nell’inedita veste di libero e si disimpegna con grande autorevolezza, gestendo bene il reparto e sbrogliando alcune situazioni con efficaci interventi in scivolata.
Crippa 6,5 Dinamico e intraprendente, si conferma un giocatore affidabile. Suo l’assist per la rete di Alemao.
Maradona 6 Primo tempo in ombra, nella ripresa è un po’ più attivo. Sfiora il gol dopo un’azione personale, offre un buon pallone a De Napoli e smista con sapienza i palloni che transitano dalle sue parti. Si gestisce con intelligenza.
Careca 5,5 Firma l’assist per il gol di Incocciati, ma appare un po’ appesantito e fuori ritmo. Sostituito dopo un quarto d’ora della ripresa.

Seguici

Altre storie di Goals

1960: Racing Parigi-Santos 1-4

Nella finale del torneo di Parigi del 1960 (al quale hanno partecipato anche l’altra formazione francese del Reims e i bulgari del Sofia), il Santos

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua navigazione, se procedi nella navigazione ne accetti l'utilizzo.