Cerca
Close this search box.

1981 Finale: Liverpool-Real Madrid 1-0

Condividi articolo:

L’esultanza dei Reds dopo la conquista della Coppa
[www.goal.com]

Una delle finali di Coppa Campioni più noiose e meno spettacolari di sempre viene vinta di misura dal Liverpool, che sfrutta un errore della difesa madridista a una decina di minuti scarsi dal termine. Il Real, seppur sfavorito alla vigilia e inferiore come qualità individuale e di squadra, gioca probabilmente un po’ meglio e ci prova un po’ di più. Il Liverpool non brilla e si limita a giocare “al gatto con il topo”, aspettando il momento giusto per colpire. Per i Reds si tratta della terza Coppa Campioni in cinque anni.


Liverpool: Clemence – Neal, Thompson, Hansen, A. Kennedy – Lee, Souness, Mc Dermott – Dalglish (st 40′ Case), Johnson, R. Kennedy.
Real Madrid: Rodriguez – Cortes (st 40′ Pineda), Sabido, Navajas, De Los Santos – Stielike – Juanito, Del Bosque, Camacho – Santillana, Cunningham.

Primo tempo
11′ Neal apre per Ray Kennedy, missile sul primo palo, Rodriguez si tuffa e devia in angolo.
14′ ancora inglesi pericolosi. Punizione sulla trequarti di Souness, che pesca a sinistra Alan Kennedy, cross basso a centro area per Dalglish, che si gira e tira, Rodriguez blocca sicuro.
19′ Souness per Ray Kennedy, tiro strozzato dal limite, palla fuori di un metro.
22′ lungo lancio di Stielike da centrocampo, tentativo di testa di Santillana, Clemence non si fa sorprendere.
25′ assist di Juanito in area per Camacho, che cerca il secondo palo con una palombella morbida: fuori di poco.

Una fase del match [www.goal.com]

30′ rimessa laterale di Cunningham da destra, sponda aerea di Juanito per Santillana, colpo di testa, palla sull’esterno della rete. Meglio il Real Madrid in questa fase.
37′ Neal verticalizza per Dalglish in area, l’attaccante scozzese si gira e serve l’accorrente McDermott, conclusione secca e immediata, Rodriguez si salva in due tempi.

Secondo tempo
3′ apertura splendida di Juanito per Santillana, che controlla sul lato destro dell’attacco, addormenta un attimo il gioco e serve ancora Juanito, nel frattempo salito a dare manforte all’azione. Conclusione violenta del centrocampista spagnolo alta sulla traversa.
4′ break centrale di Juanito, che lascia a Navajas, suggerimento in verticale per Camacho, che elude la trappole del fuorigioco, si presenta solo davanti a Clemence, ma invece che avanzare ancora tenta di superare il portiere inglese con un difficile pallonetto: fuori. E’ la chance migliore del Real Madrid in tutto l’incontro.
37′ GOL LIVERPOOL Rimessa laterale di Ray Kennedy a sinistra, palla ad Alan Kennedy, che si infila in area, Cortes manca clamorosamente l’intervento, Alan Kennedy prosegue e fulmina Rodriguez con un diagonale a mezza altezza sul secondo palo. Lampo vincente dei Reds dopo una lunghissima fase di noia assoluta.
39′ si sveglia adesso il Liverpool che sente l’odore del sangue. Azione di contropiede, da McDermott a Dalglish, dribbling al limite e tiro immediato: alto.
40′ Dalglish sguscia via a Cortes sulla sinistra, cross in mezzo, Rodriguez esce e anticipa McDermott, tentativo di Souness, bravo il portiere spagnolo che resta in piedi e blocca in due tempi.

L’esultanza di Alan Kennedy dopo il gol partita
[www.lfchistory.net]

LE PAGELLE LIVERPOOL
IL MIGLIORE ALAN KENNEDY 6,5: in un match davvero povero di emozioni e contenuti tecnici, è quasi normale sia il match-winner a prendersi la palma di migliore. Sempre preciso sulla sinistra, attento in difesa e propositivo quanto serve in avanti, trova la giocata che vale la Coppa con un bell’inserimento sul lato mancino dell’area.
Neal 6,5: non ha particolare raffinatezza stilistica, però in quanto a efficacia e solidità mentale è davvero un colosso. Chiude ogni varco in difesa e sa sempre cosa fare con il pallone tra i piedi. Condottiero.
Thompson 6,5: altra certezza assoluta della difesa dei Reds. Poco incline allo spettacolo, ci mette tanta sostanza e ottimo senso della posizione.
Dalglish 6,5: non trova mai lo spiraglio giusto per colpire, ma si rende utile con un preziosissimo lavoro di copertura ed è bravo a creare gioco per i compagni.
Souness 5,5: un po’ in difficoltà nella gestione del traffico a centrocampo, marcato a vista da Camacho. Al Liverpool mancano le sue consuete geometrie per azionare il gioco d’attacco. Sfiora il 2-0 nel finale, ma è bravo Rodriguez a negargli la gioia del gol.

LE PAGELLE REAL MADRID
IL MIGLIORE JUANITO 6,5: una furia, un vero combattente. Non molla un pallone, parte come un toro a testa bassa e mette in mostra a tratti anche un discreto bagaglio tecnico. Le migliori azioni del Real vedono quasi sempre il suo zampino.
Stielike 6,5: ottima prestazione, vince il duello diretto con Souness in regia. Si abbassa sovente sulla linea difensiva per prendere palla e organizzare il gioco. Lanci precisi, tocca un mare di palloni.
Camacho 5,5: da un lato, c’è l’ottima prestazione sul piano dinamico e della grinta; dall’altro ci sono due gol divorati, soprattutto quello a inizio secondo tempo davvero clamoroso. Un errore che pesa come un macigno sull’economia dell’incontro.
Cunningham 5: parte discretamente, poi si perde. Pochi guizzi degni di nota, arginato senza troppe difficoltà dalla sempre puntuale difesa inglese.
Cortes 4,5: il suo liscio clamoroso spiana la strada al successo del Liverpool. Sempre in difficoltà sul suo lato di appartenenza. Sostituito nel finale. Una giornata da dimenticare.

Niccolò Mello

La sintesi dell’incontro

Seguici

Altre storie di Goals

1995 Finale: Uruguay-Brasile 6-4 dcr (1-1)

Immagine di copertina: Fonsceca e Francescoli esultano con la coppa Al termine di una finale tutt’altro che spumeggiante l’Uruguay torna sul tetto d’America a distanza

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua navigazione, se procedi nella navigazione ne accetti l'utilizzo.