Cerca
Close this search box.

1975 Primo turno ritorno: Barcellona-Linz 5-0

Condividi articolo:

Cruijff orchestra il gioco

Dopo lo 0-0 dell’andata il Barcellona demolisce gli austriaci nella gara di ritorno e si qualifica per il turno successivo. Troppo superiori gli spagnoli per avere qualche timore: Cruijff e Rexach guidano la squadra al largo successo, con un 3-0 senza appello già nel primo tempo. Il Linz è temibile giusto in un paio di frangenti.

Barcellona: Mora – Rifé, Torres, Costas, De La Cruz – Neeskens (st 1′ Gallego), Juan Carlos – Rexach, Cruijff, Clares – Asensi.
Linz: Fuchsbichler – Kircher, Huberts, Brzic, Kottan – Stering, Milanovich, Scharmann, Larionoins – Ulmer, Lorenz.

Primo tempo
22′ GOL BARCELLONA
Break centrale di Rexach, che lancia a sinistra Cruijff, cross a centro area per Asensi, che sottomisura infila. Dopo una fase iniziale di studio il Barcellona passa.
24′ tentativo da lontano di Costas, Fuchsbichler si allunga e blocca in due tempi.
26′ Juan Carlos innesca in area Torres, sinistro rasoterra, Fuchsbichler c’è. Il Barcellona si è sciolto e ora domina.
30′ GOL BARCELLONA Rexach apre a destra per Rifé, cross in mezzo, colpo di testa di Clares, Fuchsbichler non trattiene e la palla si infila in rete.
32′ GOL BARCELLONA Numero di Rexach, che si accentra e di tacco serve Clares, tiro immediato dell’ala mancina e pallone sotto la traversa.
33′ Linz vicinissimo al gol: Scharmann da sinistra per Ulman, tiro secco dal limite, palo pieno. Prima conclusione degli austriaci.
35′ Rexach per Cruijff, che si accentra e calcia dal limite: alto.
38′ Juan Carlos per Torres, tiro da fuori, Fuchsbichler non si fa sorprendere.
43′ Rexach per Cruijff, che cerca l’angolino dal limite con un bel tiro a giro: palla sul fondo di poco.
45′ Clares per Neeskens, toccato da Huberts in area. Il rigore pare netto, ma l’arbitro assegna erroneamente una punizione dal limite.

Un primo piano di Rexach, mattatore principe del match
[www.enciclopedia.cat]

Secondo tempo
1′
Cruijff per Clares che ci prova dal limite, Fuchsbichler attento.
3′ ancora Fuchsbichler neutralizza un tentativo dal limite di Asensi. Match senza storia al Camp Nou.
5′ GOL BARCELLONA Verticalizzazione di Cruijff per Juan Carlos, che entra in area e incrocia con il sinistro, pallone imprendibile all’angolino opposto.
13′ iniziativa individuale di Kottan, che dribbla due avversari a destra, entra in area e calcia a mezza altezza, Mora respinge.
30′ GOL BARCELLONA Cross di Rexach da destra, Milanovich frana in area piccola su Cruijff e l’arbitro indica il dischetto. Dagli 11 metri Rexach trasforma spiazzando Fuchsbichler.
41′ cross di Cruijff da destra, Asensi schiaccia di testa, blocca Fuchsbichler.

LE PAGELLE BARCELLONA
IL MIGLIORE REXACH 8
Delizia la platea con numeri di classe ed entra in 4 gol su 5: un gol su rigore al termine di un’azione che lui stesso avvia; un assist di tacco al bacio; e mette lo zampino iniziale nelle altre due reti. Giornata di grazia.
Cruijff 7 Fatica un po’ a carburare, poi sale di tono. Assist per il primo e quarto gol, rigore procurato e altre gemme sparse qua e là pur gestendosi con grande intelligenza. Si rende conto probabilmente della modestia degli avversari e non forza, facendo solo ciò che è utile alla squadra.
Clares 6,5 Due gol pesanti come macigni, nella ripresa assiste quasi da spettatore.
Neeskens 6,5 Gioca solo il primo tempo, non lesina la solita dose di corsa e sacrificio tattico.

LE PAGELLE LINZ
IL MIGLIORE ULMER 6
Suo il tiro più temibile degli austriaci, tecnicamente sembra il più dotato della squadra, l’unico che prova a mettere sul tavolo qualche idea.
Fuchsbichler 5 Alcuni buoni interventi, ma anche il goffo intervento sul colpo di testa di Clares che vale il 2-0 e avvia la disfatta.
Difesa 4 Bocciata in blocco. Troppo molle la linea arretrata del Linz per tenere a freno la superiore qualità del Barcellona.

La sintesi dell’incontro

Seguici

Altre storie di Goals

1995 Finale: Uruguay-Brasile 6-4 dcr (1-1)

Immagine di copertina: Fonsceca e Francescoli esultano con la coppa Al termine di una finale tutt’altro che spumeggiante l’Uruguay torna sul tetto d’America a distanza

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua navigazione, se procedi nella navigazione ne accetti l'utilizzo.