Cerca
Close this search box.

Euro 2021, 1ª giornata: Francia da battere, sorpresa Finlandia, delusione Polonia

Condividi articolo:

Immagine di copertina: l’esultanza di Lukaku dopo un gol alla Russia

La conferma

La Francia è la squadra più forte. Lo si sapeva alla vigilia e la conferma è arrivata anche all’esordio dell’Europeo. La nazionale transalpina ha valori individuali eccezionali, una forza mentale clamorosa e la voglia di portarsi a casa anche l’alloro continentale dopo la beffa di cinque anni fa e la vittoria nel Mondiale russo. La nazionale di Deschamps ha vinto con merito contro la Germania e messo in mostra i suoi gioielli disseminati in varie zone del campo. Ma più ancora di Mbappé sta impressionando Kanté, il vero uomo in più di questa squadra. Già vincitore della Champions e votato miglior giocatore, rischia di fare il bis con l’Europeo. E a quel punto chi potrebbe negare al colored francese il Pallone d’Oro?

La sorpresa

I giocatori della Finlandia dopo il gol

Per molti è la nazionale meno quotata degli Europei. Ecco perché aver visto la Finlandia, al di là della questione Eriksen, superare la Danimarca è stata una sorpresa. La nazionale di Kanerva ha resistito nel primo tempo agli attacchi danesi e ha poi segnato la rete della vittoria a metà della ripresa con Pohjanpalo. Il prossimo step è la Russia, sonoramente sconfitta dal Belgio all’esordio. Sognare un nuovo successo non è utopia. E a quel punto la Finlandia volerebbe sorprendentemente alla seconda fase.

La delusione

Annunciata come una potenziale mina vagante, reduce da un girone di qualificazione dominato, la Polonia era molto attesa al debutto nella competizione. Non solo Lewandowski, terminale da 103 reti in 87 partite (!) nelle ultime due stagioni, ma anche altri validi elementi, come Szczęsny, Zielinski, Klich. Insomma, una squadra particolarmente intrigante. Eppure all’esordio è arrivato un inopinato ko contro la Slovacchia, che rischia di pregiudicare seriamente il cammino dei polacchi, attesi ora dai più difficili (sulla carta) incontri con Spagna e Svezia.

Il protagonista

Non ce ne vogliamo i vari Lukaku e Schick, protagonisti di prestazioni maiuscole sul campo, ma la palma del protagonista nella prima giornata la diamo al difensore danese del Milan Simon Kjaer. Il capitano della Danimarca è stato il primo a soccorrere il compagno Christian Eriksen, colpito da un malore, e ha poi consolato la moglie. Minuti di terrore sabato sera durante il match contro la Finlandia. Poi, per fortuna, dopo essere stato trasportato d’urgenza in ospedale, Eriksen ha ripreso conoscenza e si è stabilizzato. Resta l’enorme gesto di Kjaer, elogiato da tutti per il suo comportamento da capitano vero.

La top 11

L’incredibile gol di Schick contro la Scozia

La situazione

GIRONE A

Italia-Turchia 3-0 st 8′ aut. Demiral, 21′ Immobile, 34′ Insigne

Svizzera-Galles 1-1 st 4′ Embolo (S); st 28′ Moore (G)

CLASSIFICA: Italia 3, Svizzera, Galles 1, Turchia 0.

GIRONE B

Danimarca-Finlandia 0-1 st 15′ Pohjanpalo

Belgio-Russia 3-0 pt 10′ Lukaku, 34′ Meunier; st 43′ Lukaku

CLASSIFICA: Belgio, Finlandia 3, Russia, Danimarca 0.

GIRONE C

Austria-Macedonia del Nord 3-1 pt 18′ Lainer (A), 28′ Pandev (M); st 32′ Gregoritsch (A), 89′ Arnautovic (A)

Olanda-Ucraina 3-2 st 8′ Wijnaldum (O), 14′ Weghorst (O), 30′ Yarmolenko (U), 35′ Yaremchuk (U), 40′ Dumfries (O)

CLASSIFICA: Olanda, Austria 3, Macedonia del Nord, Ucraina 0.

GIRONE D

Inghilterra-Croazia 1-0 st 11′ Sterling

Scozia-Repubblica Ceca 0-2 42′ Schick, 51′ Schick

CLASSIFICA: Inghilterra, Repubblica Ceca 3, Croazia, Scozia 0.

GIRONE E

Polonia-Slovacchia 1-2 pt 18′ aut. Szczesny (S), st 1′ Linetty (P), 23′ Skriniar (S)

Spagna-Svezia 0-0

CLASSIFICA: Slovacchia 3, Spagna, Svezia 1, Polonia 0.

GIRONE F

Ungheria-Portogallo 0-3 st 39′ Guerreiro, 42′ rig., 45′ Cristiano Ronaldo

Francia-Germania 1-0 pt 20′ aut. Hummels

CLASSIFICA: Portogallo, Francia 3, Germania, Ungheria 0.

Seguici

Altre storie di Goals

1995 Finale: Uruguay-Brasile 6-4 dcr (1-1)

Immagine di copertina: Fonsceca e Francescoli esultano con la coppa Al termine di una finale tutt’altro che spumeggiante l’Uruguay torna sul tetto d’America a distanza

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua navigazione, se procedi nella navigazione ne accetti l'utilizzo.