Cerca
Close this search box.

Coppa América al via: Brasile favorito. Gran duello Neymar-Messi

Scatta domenica la 47ª edizione della competizione per nazionali più antica del mondo. I verdeoro, campioni in carica, sono ancora la squadra da battere. Argentina, Uruguay e Colombia ci proveranno

Condividi articolo:

Il tempo delle polemiche è finito. Da domenica in Brasile scatterà la 47ª edizione della Coppa América. La competizione era inizialmente prevista in Colombia e in Argentina. Poi, tra problemi di natura politica, organizzativa e legati alla pandemia da COVID-19, la CONMEBOL – la federcalcio sudamericana – ha optato per un cambiamento di sede che ha generato altri attriti. Speriamo che da adesso in poi si inizi a parlare solo di calcio.

Brasile sia dunque. Il Paese forse in questo momento più organizzato del subcontinente, e quello più adatto nonostante le contraddizioni interne a ospitare un evento di questo tipo. Così era stato nel 2019, l’ultima edizione, che vide il successo proprio della nazionale verdeoro.

Il Brasile sarà ancora la favorita. Nel 2019 vinse senza la stella Neymar, infortunato. Neymar oggi ci sarà e vuole a tutti i costi conquistare il suo primo alloro internazionale importante con la nazionale (ci sarebbero la Confederations Cup del 2013 e l’oro olimpico del 2016 che però hanno un’importanza relativa).

Neymar a parte, l’organico è di livello assoluto. Tra veterani come Dani Alves, Thiago Silva e Fernandinho, certezze internazionali come Casemiro, Firmino, Marquinhos, nuovi assi come Militão e due portieri di alto livello come Allison ed Ederson, il Brasile ha davvero l’imbarazzo della scelta. Senza dimenticare i vari Alex Sandro e Gabriel Jesus, in cerca di rilancio dopo annate complicate.

Insomma, il Brasile scatta in pole position. Posto che le sorprese sono sempre possibili – chi pronosticava il Cile campione nel 2015 e nel 2016? – alle spalle dei verdeoro è logico piazzare le altre due big del panorama sudamericano, ovvero Argentina e Uruguay.

L’Argentina sembra aver ritrovato un po’ più di compattezza e solidità difensiva nella Coppa América del 2019 (sconfitta in semifinale proprio dal Brasile) dopo alcune annate fiacche. L’Uruguay sarà la solita mina vagante, con certezze assolute come Cavani e Suárez, ancora particolarmente impattanti sul suolo europeo, ed elementi in cerca di una consacrazione definitiva come Bentancur e Valverde. E non dimentichiamo una Colombia a trazione anteriore, con Cuadrado, Zapata e Muriel.

Cavani e Suárez, stelle dell’Uruguay [www.givemesport.com]

L’uomo più atteso, più di Neymar, sarà inevitabilmente ancora una volta Lionel Messi.
Il fuoriclasse argentino, la stella assoluta del calcio in questi primi 20 anni del 21° secolo, disputerà la sua 10ª competizione internazionale con la nazionale maggiore ed è ancora a caccia del suo primo successo.

Vanta 4 finali perse, in Coppa América nel 2007, 2015 e 2016, e nel Mondiale 2014. E le sue prestazioni in maglia Albiceleste non sono mai state molto brillanti. Perlomeno non come nel Barcellona. Messi con l’Argentina ha alternato momenti buoni, momenti sufficienti e momenti pessimi, con rare fiammate di classe.

È un leader tecnico clamoroso, è dotato di una completezza di repertorio e di una continuità in partita disarmante, ma non è un leader caratteriale e questo suo unico limite lo ha condizionato sovente in nazionale, impedendogli di rovesciare situazioni negative.

In questa Coppa América e nel Mondiale in Qatar a dicembre 2022, probabilmente la sua ultima vetrina in nazionale, non sarà solo l’Argentina ad aspettarlo e aspettarsi tanto da lui. Sarà ogni appassionato. Perlomeno l’appassionato che ama il fútbol spettacolare, che si emoziona ancora per un tunnel, un dribbling, un assist, un gol, una giocata di magia, un colpo d’artista.

In un calcio sempre più ipervitaminico e sempre più robotizzato, Messi rappresenta l’ultimo eroe romantico, il genio fuori dal tempo capace di far commuovere gli esteti e gli addetti ai lavori. Con Scaloni in plancia di comando l’Argentina sembra aver riacquisito un po’ di fiducia e certezze. Ma per riuscire a superare il fortissimo Brasile e portarsi a casa una coppa che manca dal 1993 servirà dell’altro. Per un’impresa di questo tipo sarà indispensabile poter ammirare il miglior Messi, quello che ha stregato il mondo in maglia Barcellona. Lo ha fatto anche quest’anno soprattutto da febbraio in avanti. Perché anche se ha vinto appena una Coppa del Re, Messi ha saputo offrire molto spesso prestazioni davvero di alto livello.

Il duello tra lui e Neymar sarà il sale di una competizione affascinante e che promette di regalare spettacolo… quasi quanto l’Europeo!

IL CALENDARIO

GRUPPO A

14 giugno 2021, ore 23:00
Argentina-Cile

15 giugno 2021, ore 02:00
Paraguay – Bolivia

18 giugno 2021, ore 23:00 
Cile – Bolivia

19 giugno 2021, ore 02:00
Argentina – Uruguay

21 giugno 2021, ore 23:00
Uruguay – Cile

22 giugno 2021, ore 02:00
Argentina – Paraguay

24 giugno 2021, ore 23:00
Bolivia – Uruguay

25 giugno 2021, ore 02:00
Cile – Paraguay

28 giugno 2021, ore 23:00
Argentina – Bolivia
Uruguay – Paraguay

GRUPPO B

13 giugno 2021, ore 23:00
Brasile – Venezuela

14 giugno 2021, ore 02:00
Colombia – Ecuador

17 giugno 2021, ore 23:00
Perù – Brasile

18 giugno 2021, ore 02:00
Colombia – Venezuela

20 giugno 2021, ore 23:00
Venezuela – Ecuador

21 giugno 2021, ore 02:00
Colombia – Perù

23 giugno 2021, ore 23:00 
Ecuador – Perù

24 giugno 2021, ore 02:00
Colombia – Brasile

27 giugno 2021, ore 23:00
Ecuador – Brasile

27 giugno 2021, ore 23:00
Venezuela – Perù

QUARTI DI FINALE

2 luglio 2021, ore 23:00

3 luglio 2021, ore 02:00

3 luglio 2021, ore 24:00 

4 luglio 2021, ore 03:00 

SEMIFINALI

6 luglio 2021, ore 01:00

7 luglio 2021, ore 03:00

FINALE 3°-4° POSTO

10 luglio 2021, ore 02:00

FINALISSIMA

11 luglio 2021, ore 02:00

VINCITORI

Seguici

Altre storie di Goals

Euro 1968: finale Italia-Jugoslavia

La prima volta dell’Italia in Europa. È il 1968 e la nazionale batte la Jugoslavia a Roma conquistando il titolo europeo. Ecco il nostro podcast

1972 Girone: Polonia-Germania Ovest 1-3

Immagine di copertina: una curiosa immagine di Gerd Muller davanti a una porta, il suo elemento naturale Netta vittoria della Germania Ovest sulla Polonia nel

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua navigazione, se procedi nella navigazione ne accetti l'utilizzo.