Cerca
Close this search box.

Raf Vallone dal Toro al David di Donatello

Condividi articolo:

Immagine di copertina: Silvana Mangano e Raf Vallone nel film Anna del 1951

Calciatore, giornalista, partigiano e attore. Raf Vallone è stato tutto questo e molto, molto di
più.
Inauguriamo, con questo grande uomo e personaggio, la rubrica – I Campioni del Cinema
per raccontare gli sportivi che hanno recitato nel cinema e le pellicole più o meno note e
baciate dal successo dedicate allo sport.

Raffaele Vallone, questo il suo vero nome, prima di raggiungere la popolarità sul set, è stato
calciatore, centrocampista nel ruolo di mezzala. Ha disputato 25 partite in serie A nel Torino FC,
con cui aveva iniziato nel settore giovanile, vincendo la Coppa Italia nella stagione 1934-35.

Conclusa la carriera sportiva passa al giornalismo, arrivando a ricoprire prima l’incarico di
caporedattore delle pagine culturali per l’Unità, quindi quello di critico cinematografico per
il quotidiano La Stampa.

Raf Vallone nelle vesti di calciatore [http://www.poro.it/rafvallone]

Ma è il Vallone attore che il grande pubblico ricorda soprattutto per l’interpretazione nel film
cult del neorealismo italiano del regista Giuseppe De Santis “Riso amaro”
nel quale, accanto
all’icona dell’epoca, l’attrice Silvana Mangano, interpreta il ruolo drammatico del sergente
Marco Galli.
Successivamente Vallone è protagonista in “Non c’è pace tra gli ulivi” in coppia con Lucia
Bosè
, poi in “Il cammino della speranza” di Pietro Germi e “Anna” di Alberto Lattuada, tutti
film rappresentativi del neorealismo italiano.

A questi successi segue la consacrazione definitiva a livello internazionale con “El Cid” di
Mann, “Fedro” di Dassin e soprattutto con “Uno sguardo dal ponte” di Sydney Lumet del
1962 che gli vale il David di Donatello come attore protagonista.

Ha vissuto sempre una vita privata tranquilla e senza clamori, ad eccezione di
una breve relazione a fine anni ’50 con la divina BB, Brigitte Bardot.
Dal matrimonio con l’attrice Elena Varzi, attrice conosciuta sul set, ha avuto tre figli.
Raf Vallone ci ha lasciati il 31 ottobre 2002, all’età di 86 anni.

Tributo a Raf Vallone

Seguici

Altre storie di Goals

1997 Quarti: Brasile-Paraguay 2-0

Troppo Brasile per il Paraguay. Il match dei quarti vede un netto predominio dei verdeoro al di là di quanto non dica il punteggio. La

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua navigazione, se procedi nella navigazione ne accetti l'utilizzo.