Libertadores 1986 Finale ritorno: River Plate-America Calì 1-0

Condividi articolo:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Esultanza dei giocatori del River Plate [www.barcalcio.net]

Dopo il 2-1 dell’andata il River batte l’America Calì anche nella finale di ritorno e sale sul tetto del Sudamerica. I biancorossi conquistano il successo grazie a una rete nel secondo tempo di Funes, migliore in campo e autore di alcune devastanti percussioni che squarciano la difesa colombiana. L’America Calì fa troppo poco per vincere e raramente è pericolosa dalle parti di Pumpido.

River Plate: Pumpido – Gordillo, Gutierrez, Ruggeri, Montenegro – Enrique, Gallego, Alonso, Alfaro (st 10′ Gomez) – Alzamendi (st 32′ Sperandio), Funes.
America Calì: Falcioni – Valencia (st 28′ de Avila), Luna, Porras, Espinoza – Aquino (st 22′ Escobar), Cabanas, Ischia – Ortiz, Garega, Battaglia.

Funes, migliore in campo [https://ar.pinterest.com]

Primo tempo
5′
River Plate subito vicino al gol: colpo di testa in tuffo di Alonso da un calcio piazzato, pallone di poco alto.
9′ occasione anche per l’America Calì con un tiro in corsa da sinistra di Battaglia su assist di Garega: pallone sull’esterno della rete.
18′ corner per l’America Calì da destra: Ischia trova in mezzo all’area Porras, che colpisce di testa da ottima posizione ma manda fuori.
24′ cross di Gordillo da destra, Ruggeri in avanzamento offensivo schiaccia di testa: pallone sul fondo.
41′ Alzamendi viene steso sulla trequarti, l’azione prosegue, Funes carica il tiro da fuori area, un missile rasoterra che Falcioni riesce a deviare. Match duro, tattico e agonistico, con diversi falli.

Willington Ortiz, il migliore dei colombiani
[https://www.futbolred.com]

Secondo tempo
3′
punizione per il River Plate dalla difesa: palla lunga, sponda di Funes per Alzamendi, che di testa favorisce il tiro dal limite di Alonso, la palla “buca” le mani a Falcioni e si infila in rete. Ma l’arbitro annulla per un fallo di Alzamendi.
7′ espulsi Garega e Montenegro per reciproche scorrettezze.
10′ giocata straordinaria di Ortiz, che converge da destra saltando due uomini e serve Battaglia solo davanti a Pumpido. L’attaccante colombiano perde il tempo della battuta a rete, ma riesce ugualmente a scagliare un tiro a giro pericoloso, Ruggeri salva tutto sulla linea. È la miglior occasione dei colombiani nel match.
22′ Gutierrez recupera un pallone in difesa e serve a centrocampo Alonso, assist a Funes, che parte a tutta velocità, salta un uomo e calcia in diagonale: palo pieno.
24′ GOL RIVER PLATE Cross di Enrique da destra, Funes controlla al limite, fa secco il suo avversario e scaglia un’altra bordata con il destro, stavolta la palla si infila all’angolino. Gran gol dell’attaccante argentino.
29′ occasionissima per l’America Calì: Ortiz entra in area, scavalca Pumpido cercando in mezzo Battaglia, Ruggeri allontana in spaccata.
34′ Alonso premia in area lo scatto dello scatenato Funes, che è solo davanti a Falcioni, ma manca il controllo al volo e il pallone si perde sul fondo.

LE PAGELLE RIVER PLATE
IL MIGLIORE FUNES 7,5
Quando accelera è imprendibile, i difensori dell’America Calì vengono semplicemente travolti. Sfiora il gol in più occasioni dopo assoli palla al piede terrificanti o conclusioni pazzesche da fuori, poi trova la gemma che vale il successo: dribbling secco a un difensore e palla nell’angolino con un tiro di inaudita potenza.
Ruggeri-Gutierrez 7 Solidissima coppia centrale, non fanno passare nemmeno gli spifferi, cancellano dal campo Garega e Battaglia e salvano anche alcune situazioni spinose con interventi al tempo stesso spettacolari ed efficaci.
Alonso 6,5 Cervello del River, gioca con grande intelligenza tra le linee e detta i tempi nella fase di ripartenza.

LE PAGELLE AMERICA CALI’
IL MIGLIORE ORTIZ 6,5
Insieme all’esterno Valencia (voto 6,5 anche per lui) è il più temibile dei colombiani, l’unico che prova a mettere in difficoltà la difesa argentina con guizzanti e imprevedibili giocate partendo dal lato destro dell’attacco. Peccato che predichi un po’ nel deserto e il resto della squadra appaia di un livello inferiore al River.
Garega-Battaglia 5 Coppia d’attacco decisamente spuntata. Poco incisivi al tiro, il primo si fa addirittura cacciare dopo reciproche scorrettezze con Montenegro.

Il gol decisivo

Seguici

Altre storie di Goals

Bayern Monaco: no Bomber, no party

Gerd Müller e Robert Lewandowski, a distanza di 44 anni l’uno dall’altro, si sono rivelati accomunati da un comune destino, ovvero quello di non aver potuto completare le loro splendide stagioni per la gloria del Bayern Monaco.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua navigazione, se procedi nella navigazione ne accetti l'utilizzo.