Champions League 2020/2021: brilla la stella di Joao Felix, Caporetto bianconera contro il Barcellona

Condividi articolo:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Immagine di copertina: il secondo gol di Joao Felix che ha regalato il successo all’Atletico Madrid contro il Salisburgo

La conferma

Il secondo turno dei gironi di questa edizione di Champions League ha visto Marcus Rashford ripetersi dopo la strepitosa prova contro il Paris Saint Germain al Parco dei Principi. Infatti, anche da subentrato, si è confermato con una strepitosa tripletta ai danni del Lipsia di Nagelsmann. Per il 10 dei Red Devils parlano i 4 gol in 2 partite di questo inizio di Champions League, per un giocatore che da tempo sembra dimostrare familiarità con i grandi palcoscenici internazionali e che ha iniziato magnificamente questa stagione, con 7 gol in 9 partite in tutte le competizioni.

La sorpresa

Era sembrata una situazione fortunata quella del precedente turno a San Siro contro l’Inter, ma in realtà i Fohlen del Borussia Mönchengladbach si sono ripetuti dalle parti del Reno, frenando un Real Madrid a dir poco irriconoscibile e sfiorando una vittoria semplicemente clamorosa. A prendersi la scena è stato Marcus Thuram, il figlio del ben più noto Lilian, che ha colpito a più riprese la retroguardia dei Blancos, firmando una doppietta che mette in mostra uno dei più interessanti prodotti offensivi della Bundesliga. Una doppia marcatura che, purtroppo per lui, non è bastata per impedire il pareggio in extremis del Real Madrid.

La delusione

In seguito alla disfatta casalinga contro lo Shakhtar Donetsk, il Real Madrid non riesce a riprendersi in Europa, rischiando un’altra disfatta sonora contro il Borussia Mönchengladbach, a seguito di una partita che per l’ennesima volta ha messo in mostra la vulnerabilità della difesa, trafitta a più riprese dalle percussioni di Thuram. I gol di Benzema e Casemiro hanno affievolito una pillola che rimane comunque indigesta per i Blancos, che hanno raccolto un solo punto nelle prime due partite. C’erano una volta i Galacticos

Le italiane

L’esultanza dei giocatori del Barcellona contro la Juventus.

In questa seconda giornata dei gironi di Champions League non si sono registrati successi da parte delle squadre italiane. Infatti, l’Inter (5,5) è incappata in un altro pareggio, questa volta in Ucraina, non riuscendo a concretizzare le proprie occasioni contro lo Shakhtar Donetsk, anche a causa dei prodigiosi interventi di Trubin, per un percorso che ora si fa in salita per i nerazzurri. L’Atalanta (6), invece, dopo le recenti goleade subite da Napoli e Sampdoria, ha reagito prontamente ai talenti dell’Ajax, rimontando due gol grazie ad uno strepitoso Zapata (autore di una doppietta) e acciuffando un pareggio importantissimo nell’economia del girone. La Juventus (4,5) è stata protagonista di una pessima prestazione casalinga contro il Barcellona, che per larghi tratti ha potuto amministrare il match in un 2 a 0 in cui si è stato messo in mostra il talento di Pedri (migliore in campo) e Ansu Fati. La Lazio (6,5) infine ha saputo rispondere prontamente alle tante assenze improvvise (su tutte, quelle di Luis Alberto e Immobile) ed è riuscita a strappare un punto importante in casa del Bruges, spinta soprattutto dai prodigiosi interventi di Reina nel secondo tempo.

Il protagonista

Nonostante Rashford abbia siglato un’importante tripletta contro il Lipsia semifinalista della scorsa edizione, ci è sembrato opportuno premiare la classe cristallina di Joao Felix, un giocatore che, in un’epoca apparentemente povera di fantasisti puri, sembra rappresentare un’eccezione nel calcio moderno e che in questo periodo, tra Atletico Madrid e nazionale portoghese, sta mettendo in mostra i suoi colpi più pregiati. La sua strepitosa doppietta, condita oltretutto da una superba rovesciata che si è stampata sulla traversa ad inizio primo tempo, ha permesso ai Colchoneros di vincere in rimonta contro il Salisburgo, a seguito di una partita molto combattuta da ambedue le parti. Un panda pregiato, da tenere d’occhio ormai da qualche anno a questa parte.

La top 11

Seguici

Altre storie di Goals

Johan Cruijff, l’uomo orchestra

Veloce, moderno, universale, innovativo, essenziale. Vi portiamo alla scoperta del numero 14 più famoso del mondo. Perché dopo di lui il calcio non è stato più lo stesso

Lo stratega Trapattoni

Vincente, esuberante, simpatico, flessibile mentalmente e tatticamente: alla scoperta di Giovanni Trapattoni, un autentico maestro della panchina

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua navigazione, se procedi nella navigazione ne accetti l'utilizzo.