Libertadores 1981 Ritorno: Cobreloa-Flamengo 1-0

Condividi articolo:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Un Flamengo tutt’altro che irresistibile si arrende 1-0 al Cobreloa nel ritorno della Coppa Libertadores 1981. Per stabilire la squadra regina del Sudamerica è così necessario ricorrere alla partita di spareggio. I cileni meritano il successo: pur non costruendo moltissime occasioni, ci mettono più grinta e giocano maggiormente la palla. I brasiliani invece mettono in mostra un atteggiamento troppo rinunciatario e brillano poco, a partire dagli uomini più rappresentativi come Zico e Junior.

Cobreloa: Wirth – Tabilo, Soto, Jimenez, Escobar – Puebla, Merello, Alarcon – Gomez (st 23′ Munoz), Oliveira, Siviero.
Flamengo: Raul – Leandro, Mozer, Figueiredo, Junior – Tita, Adilio, Andrade, Lico (st 29′ Baroninho) – Zico, Nunes (st 23′ Nei Dias).

Primo tempo
12′ Nunes per Lico, diagonale da fuori, palla a lato di un metro. Match molto chiuso in questo avvio.
15′ Oliveira, lanciato dalle retrovie, supera Raul in pallonetto. Mozer è costretto a un affannoso recupero in tackle per evitare il gol.
24′ lancio di Alarono per Oliveira, altro intervento in scivolata di Mozer che evita il tiro a botta sicura dell’attaccante cileno.
32′ Raul è costretto ad alzare in angolo un colpo di testa a campanile dello scatenato Oliveira.
37′ sponda aerea di Gomez per Puebla, che schiaccia di sinistro, Junior allontana sulla linea. Meglio il Cobreloa in questo primo tempo, Flamengo troppo sulla difensiva e tutto intento a proteggere il 2-1 maturato all’andata.

Secondo tempo
5′ Raul respinge d’istinto una conclusione ravvicinata di Oliveira. I brasiliani faticano a farsi pericolosi nella metàcampo avversaria.
12′ tiro-cross di Nunes da sinistra, palla alta non di molto. Si fa vedere il Flamengo.
14′ Tita per Zico, che scatta in posizione regolare, ma viene fermato dall’arbitro in fuorigioco.
28′ colpo di testa all’indietro di Leandro che rischia l’autogol, Nei Dias salva sulla linea.
31′ Tita per Adilio, palla in verticale per Zico, che calcia dal limite, Wirth c’è.
33′ GOL COBRELOA Punizione di Merello deviata da un difensore, la traiettoria inganna Raul e si infila in rete.

Una fase del match

LE PAGELLE COBRELOA
IL MIGLIORE MERELLO 7: regala una vittoria di capitale importanza ai suoi con una punizione insidiosa, anche se deviata in modo probabilmente decisivo. Si conferma la mente della manovra cilena, tocca tanti palloni utili in mezzo al campo.
Puebla 7: tecnico e veloce, fa ammattire la difesa del Flamengo con le sue accelerazioni in fascia. Cresce con il passare dei minuti.
Oliveira 6,5: sfiora ripetutamente il bersaglio grosso, rendendo difficile la vita ai centrali ospiti.

LE PAGELLE FLAMENGO
IL MIGLIORE MOZER 6,5: nel primo tempo sventa due gol quasi fatti. Uno dei pochi, tra i brasiliani, a giocare sempre concentrato e a non perdere mai la bussola.
Tita 6: prova a dare un po’ di brio a una manovra piuttosto statica. Almeno ci prova.
Junior 5,5: primo tempo di grande difficoltà, nella ripresa migliora, ma in generale disputa un match molto bloccato. E anche in fase difensiva non è sempre irreprensibile.
Zico 5: match winner all’andata con due reti, vive una giornata no. Un solo tiro verso la porta di Wirth, tutt’altro che irresistibile. Tanti errori inconsueti in fase di appoggio, mai un guizzo degno della sua classe.

Sintesi dell’incontro

Seguici

Altre storie di Goals

Sacchi: genio o sopravvalutato?

Così come studiando la Storia ti viene insegnato che esistono date, eventi o personaggi  che ne scandiscono il corso, anche nel calcio si ricorre spesso

Pelé e il falso mito dell’Europa

Pelé non è mai venuto in Europa: ma è un limite nella valutazione assoluta per O Rei? Assolutamente no. In questo articolo sfatiamo un assurdo mito. Ai tempi di Pelé il Sudamerica proponeva un calcio che non era per nulla inferiore a quello europeo. Anzi…

Champions 2020/2021: è subito super Bayern

Immagine di copertina: l’esultanza di Kingsley Coman, grande protagonista del Bayern [www.itasportpress.it] La conferma L’edizione 2019-2020 si era conclusa con il trionfo del Bayern Monaco,

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua navigazione, se procedi nella navigazione ne accetti l'utilizzo.