1989 Semifinale andata: Real Madrid-Milan 1-1

Condividi articolo:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su whatsapp
La meravigliosa torsione aerea di van Basten che vale il pareggio rossonero
[www.youtube.com]

Al termine di un match giocato ad alti ritmi e intensità, Real Madrid e Milan si dividono la posta e rimandando il discorso qualificazione alla partita di ritorno. I rossoneri tengono di più il possesso palla – soprattutto nel primo tempo – e nel complesso si dimostrano superiori agli avversari, sul piano dell’organizzazione, anche se il Real Madrid non si tira indietro e in contropiede costruisce alcune valide opportunità.

Real Madrid: Buyo – Sanchis, Gordillo, Tendillo – Chendo, Michel (st 37′ Llorente), Schuster, Martin Vazquez, Gallego – Butragueno, Hugo Sanchez.
Milan: G. Galli – Tassotti, Baresi, Rijkaard, Maldini – Colombo (st 44′ Costacurta), Ancelotti, Evani – Donadoni – Van Basten, Gullit (st 31′ Virdis).

Primo tempo
10′ punizione di Donadoni da destra, sponda aerea di Van Basten per Maldini, il cui tiro da dentro l’area è ribattuto in angolo da Martin Vazquez.
11′ Michel ruba palla a Tassotti e si invola verso la porta milanista, cross in mezzo per Hugo Sanchez che manca di un soffio la deviazione vincente. La partita si è accesa all’improvviso.
12′ da Van Basten a sinistra per Evani, cross in area, tentativo al volo di Gullit ostacolato, palla a lato.
21′ lancio di Michel in area per Hugo Sanchez, che cade al momento del tiro, pallone sul fondo.
30′ Gullit per Evani, cross in mezzo, Schuster rinvia male, Van Basten si fionda sul pallone, ma il centrocampista tedesco in scivolata riesce a deviare in corner. Il Milan sta facendo la partita, Real Madrid intimorito.
33′ azione personale di Van Basten, che salta un uomo e calcia in diagonale, Buyo respinge.
38′ Butragueno innesca Michel, che punta Ancelotti e prova a calciare sul primo palo: fuori. Torna a farsi vedere il Real dopo una fase di predominio rossonero.
41′ GOL REAL MADRID Corner di Butragueno da sinistra, Tendillo prolunga di testa, Tassotti si perde Hugo Sanchez mentre Baresi non riesce a salire per far scattare la trappola del fuorigioco e l’attaccante messicano in girata infila Galli.
42′ Colombo per Maldini, che tocca ad Ancelotti, missile rasoterra, la palla esce di poco sul primo palo. Il Milan vuole reagire: lo svantaggio è immeritato.

Una fase del match [https://papavanbasten.com]

Secondo tempo
4′ azione in velocità del Real Madrid, da Michel a Gordillo, che calcia in corsa sul secondo palo: fuori. Milan un po’ scosso in questo avvio di ripresa, ora il Real sembra maggiormente in fiducia.
17′ Van Basten per Baresi, da questi a Donadoni, che supera Buyo con un intelligente passaggio per Gullit e l’attaccante olandese segna a porta vuota. L’arbitro però annulla. Fuorigioco inesistente: la rete era valida. Il Milan sta riacquistando comunque fiducia nel gioco.
22′ Maldini lavora un buon pallone a sinistra e serve Ancelotti, da questi a Rijkaard, sventola da fuori, palla a lato non di molto.
28′ Schuster per Tendillo, che è solo davanti a Galli. L’arbitro però ferma l’azione per fuorigioco. Ma anche questa volta non c’era.
31′ triangolo Schuster-Butragueno-Schuster, tiro dentro l’area, palla a lato da ottima posizione.
32′ GOL MILAN Traversone di Tassotti da destra, splendido avvitamento aereo al limite di Van Basten che gira in porta di testa e colpisce la traversa, la palla sbatte sulla schiena di Buyo e si infila in rete.
42′ cross di Gordillo da sinistra, Butragueno non ci arriva, sul secondo palo sbuca Llorente che brucia Maldini, ma manda clamorosamente fuori.

LE PAGELLE REAL MADRID
IL MIGLIORE TENDILLO 7: prova di grande autorità al centro della difesa, denota un ottimo senso della posizione e si fa valere anche in attacco: suo l’assist per il gol di Hugo Sanchez, nella ripresa si fa trovare pronto sull’assist di Schuster che elude la trappola del fuorigioco milanista. Ma l’arbitro prende un abbaglio (compensando quello altrettanto clamoroso sul gol annullato a Gullit) e ferma tutto.
Schuster 6,5: soffre un po’ sul piano del dinamismo, però smista una marea di palloni, raffina la manovra, si propone con efficacia in attacco.
Butragueno 6,5: intelligente nel gioco senza palla, non riesce mai a essere pericoloso al tiro, ma lavora molto per la squadra.
Hugo Sanchez 6: si fa trovare pronto quando serve con il gol di rapina che vale l’1-0. Per il resto è ben controllato dalla difesa del Milan.

LE PAGELLE MILAN
IL MIGLIORE MALDINI 7: a soli 20 anni gioca con una personalità da veterano. Quasi imbattibile in uno contro uno, si fa vedere con efficacia anche in avanti, dove mette in mostra doti di dribbling e palleggio notevoli. Qualche sbavatura nel finale, ma la sua resta una prestazione di grandissima qualità.

Capitan Baresi: con Maldini e Tendillo il migliore in campo
[https://papavanbasten.com]

Baresi 7: il più costante e il più continuo, ma non premiamo lui come migliore per un paio di palloni persi in modo sanguinoso in difesa e perché resta fermo sul gol di Hugo Sanchez non facendo scattare il fuorigioco. Per il resto, però, gioca una partita splendida, con sortite offensive degne di una mezzala e una gestione della squadra da capitano vero.
Van Basten 6,5: attivo nelle prime battute, poi si eclissa. Torna grande protagonista nel finale, quando un suo meraviglioso colpo di testa in torsione sorprende la difesa madridista e regala il pari al Milan.
Tassotti 6: perde Hugo Sanchez sul gol, ma si fa perdonare con il cross che vale il pareggio. Double face.
Donadoni 5,5: utile tatticamente, ma stranamente è poco ispirato sul piano tecnico. Non riesce mai ad accendere la luce sulla trequarti.

Niccolò Mello


La sintesi dell’incontro

Seguici

Altre storie di Goals

Anni Mondiali – Argentina 1978

Seconda puntata con il podcast di Paolo Palazzo su Argentina 1978, il Mondiale di Menotti, Kempes e Passarella, della prima vittoria dell’Albiceleste, ma anche di

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua navigazione, se procedi nella navigazione ne accetti l'utilizzo.