1981 Finale andata: Flamengo-Cobreola 2-1

Condividi articolo:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Il Flamengo vince la gara di andata della finale Libertadores grazie a un ottimo primo tempo. A fare la differenza in casa brasiliana sono le giocate di un ispirato Zico, autore della doppietta decisiva. Dopo una prima frazione abbastanza interessante, nella ripresa calano i ritmi e il Flamengo rimane molto più sulla difensiva, con il Cobreloa che accorcia le distanze e tenta anche di pervenire a un clamoroso pareggio.

Flamengo: Raul – Leandro, Mozer, Figueiredo, Junior – Andrade – Tita, Lico (st 29′ Baroninho), Adilio – Zico, Nunes.
Cobreloa: Wirth – Tabilio, Soto, Jimenez – Rojas, Alarcon, Merello, Puebla, Escobar – Munoz (st 12′ Gomez), Siviero.

Primo tempo
6′ Zico per Adilio, che accelera e al limite dell’area serve ancora Zico, tiro in corsa, Wirth blocca in due tempi.
12′ GOL FLAMENGO Zico verticalizza al limite per Adilio, che gli restituisce il pallone, Zico accelera lasciando sul posto un difensore e batte Wirth in uscita.
17′ ancora Flamengo pericoloso sull’asse Adilio-Zico: assist del primo, tiro del secondo dal limite, pallone a lato.
26′ Andrade per Junior, che dribbla un avversario e calcia d’esterno da fuori area: palla a lato di un soffio. E’ un dominio dei brasiliani.
28′ ecco il Cobreloa: Munoz apre il contropiede per Siviero, che entra in area, ma manda altissimo sull’uscita di Raul.
30′ GOL FLAMENGO Soto commette un fallo in area appoggiandosi su Lico. Rigore, Zico trasforma nell’angolino basso a destra.
39′ triangolo Zico-Nunes-Zico, conclusione di destro, Wirth stavolta non si fa sorprendere.
42′ chance clamorosa per il Cobreloa: punizione dal centro-destra di Merello, colpo di testa di Munoz solo nell’area piccola, pallone fuori di pochissimo.
45′ Junior lascia rimbalzare il pallone e scaglia un destro preciso da fuori, Wirth è costretto ad alzare in angolo.

Secondo tempo
12′ punizione da fuori di Zico: palla a lato. Ritmi molto più blandi in questa ripresa.
14′ altro piazzato da lontano del Flamengo, stavolta di Tita, Wirth neutralizza.
21′ GOL COBRELOA Lico stende in area Soto. Rigore anche per i cileni, Merello infila l’angolino a sinistra e riapre la partita.
24′ Zico prova a scuotere un Flamengo piuttosto apatico con un rasoterra da lontano, pallone sul fondo non di molto.
37′ tentativo di Tita da fuori area, il pallone rimbalza su un difensore cileno e giunge a Nunes, che si fa respingere la conclusione ravvicinata da Wirth e poi manda a lato.

Un primo piano di Zico, grande protagonista dell’incontro [www.lance.com.br]

LE PAGELLE FLAMENGO
IL MIGLIORE ZICO 7,5: si eleva di una spanna su compagni e avversari. E’ il regista offensivo e il primo terminale della squadra. Apre le danze con la zampata dell’1-0 dopo uno scambio in velocità e chiude i conti dal dischetto. Nella ripresa, è uno dei pochi che prova a scuotere il Flamengo dal torpore.
Figueiredo 6,5: sale di colpi nel secondo tempo, chiudendo tutti i varchi nel cuore della difesa. Favoloso negli anticipi, solido in marcatura diretta.
Junior 6,5: primo tempo ad alti livelli: difende, spinge, inventa. Poi si limita a svolgere il compitino, come il resto della squadra.
Adilio 6,5: buona prova anche la sua, soprattutto nel primo tempo quando con Zico dà vita ad alcune triangolazioni di pregevole fattura. Serve l’assist per la prima rete.
Nunes 5: il peggiore del Flamengo, si divora alcuni gol e dà l’impressione di essere un po’ fuori dal gioco.

LE PAGELLE COBRELOA
IL MIGLIORE MERILLO 6,5: organizza la manovra con sapienza e raziocinio, tocca diversi palloni, freddo nella trasformazione del rigore. Il motore della squadra.
Wirth 6,5: compie alcuni interventi notevoli, non si fa mai trovare impreparato. Incolpevole sulle due reti.
Soto 6: peccato per il fallo da rigore su Lico perché per il resto disputa una prova di ottimo livello, impreziosita dal penalty che si procura nel secondo tempo e riapre i giochi in vista del ritorno.
Munoz 5: lascia davvero poche tracce, stretto nella morsa della difesa brasiliana, e viene sostituito.

Gli highlights del match

Seguici

Altre storie di Goals

Sacchi: genio o sopravvalutato?

Così come studiando la Storia ti viene insegnato che esistono date, eventi o personaggi  che ne scandiscono il corso, anche nel calcio si ricorre spesso

Pelé e il falso mito dell’Europa

Pelé non è mai venuto in Europa: ma è un limite nella valutazione assoluta per O Rei? Assolutamente no. In questo articolo sfatiamo un assurdo mito. Ai tempi di Pelé il Sudamerica proponeva un calcio che non era per nulla inferiore a quello europeo. Anzi…

Champions 2020/2021: è subito super Bayern

Immagine di copertina: l’esultanza di Kingsley Coman, grande protagonista del Bayern [www.itasportpress.it] La conferma L’edizione 2019-2020 si era conclusa con il trionfo del Bayern Monaco,

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua navigazione, se procedi nella navigazione ne accetti l'utilizzo.