Cerca
Close this search box.

1986 Girone A: Argentina-Corea del Sud 3-1

Condividi articolo:

Immagine di copertina: Maradona, imprendibile per la difesa coreana

L’Argentina comincia con il piede giusto il Mondiale messicano archiviando la pratica Corea del Sud già dopo i primi minuti. L’Albiceleste sale sul 2-0 e gestisce per il resto dell’incontro. Gara poco spettacolare e a ritmi bassi con gli asiatici che si impegnano e trovano anche la rete della bandiera, ma appaiono decisamente di un livello inferiore ai sudamericani. In grande spolvero Maradona, autore di tutti e tre gli assist.

Argentina: Pumpido – Clausen, Brown, Ruggeri, Garré – Burruchaga, Batista (st 30′ Olarticoechea), Giusti – Maradona – Pasculli (st 28′ Tapia), Valdano.
Corea del Sud: Yeon-Kyo Oh – Pyung-seok Kim (st 23′ Kwang-rae Cho), Kyeong-hun Park, Yong-hwan Chung, Min-kook Cho – Yong-se Kim (st 1′ Byung-ok Yoo), Jung-moo Huh, Chang-sun Park – Bum-kun Cha, Soon-ho Choi, Joo-sung Kim.

Primo tempo
6′ GOL ARGENTINA
Punizione dal limite per l’Argentina, Maradona ci prova, il tiro viene respinto dalla barriera, ancora Maradona di testa serve in area Valdano, diagonale a mezza altezza e palla sul palo lontano.
9′ scambio Clausen-Valdano-Clausen, rasoterra deviato, palla di pochissimo sul fondo. Argentina subito in palla, Corea del Sud alle corde.
11′ ci prova anche la Corea con un tracciante da fuori di Chang-sun Park, sul fondo di un metro.
13′ colpo di testa sotto misura di Pasculli su un cross di Garré da sinistra, blocca Yeon-Kyo Oh.
18′ GOL ARGENTINA Fallo su Maradona sulla trequarti: punizione pennellata dello stesso Diego per la testa di Burruchaga, che si eleva sui difensori coreani e insacca. Yeon-Kyo Oh non sicurissimo. È l’ultima emozione di fatto del primo tempo, da qui in poi l’Argentina controlla a ritmi bassi.

Valdano contrastato da un difensore coreano

Secondo tempo
1′ GOL ARGENTINA
Accelerazione di Maradona che entra in area a destra, cross in mezzo, la difesa coreana si addormenta e Valdano sul secondo palo appoggia comodamente in rete.
9′ fallo sulla trequarti su Pasculli: punizione a giro di Maradona, Yeon-Kyo Oh respinge con i pugni. L’Argentina sta gestendo, gara che oramai ha più poco da dire.
19′ corner di Maradona da destra, colpo di testa di Giusti e pallone di pochissimo sul fondo.
25′ chance per Chang-sun Park, sicuramente il più attivo dei suoi, blocca Pumpido.
28′ GOL COREA DEL SUD Chang-sun Park prende la mira da lontano e realizza un gol splendido con il pallone che colpisce la parte bassa della traversa e si infila in rete.
30′ Tapia libera Valdano in area, tiro fiacco, blocca senza problemi Yeon-Kyo Oh.
33′ ancora un’occasione per Valdano, il portiere coreano respinge con i piedi.
40′ suggerimento geniale di Chang-sun Park per Byung-ok Yo, che si fa murare da Pumpido in area. Ultima emozione del match.

LE PAGELLE ARGENTINA
IL MIGLIORE MARADONA 7,5
Dispensa perle di calcio in una partita a scartamento ridotto. Tre assist deliziosi e tre reti, è la miccia che accende il gioco argentino. Gli manca solo il gol: lo sfiora su punizione, se ne divora un altro a centro area dopo un cross di Valdano.
Valdano 7 Essenziale, trasforma in oro due cioccolatini di Diego poi manca il tris in un altro paio di circostanze.
Brown 6,5 Non fa rimpiangere il totem Passarella, governa il reparto con grande autorevolezza formando una coppia solidissima con Ruggeri.
Burruchaga 6,5 Con Batista e Giusti compone un terzetto di grande temperamento, trova anche la via del gol con una bella torsione aerea.

LE PAGELLE COREA DEL SUD
IL MIGLIORE CHANG-SUN PARK 7
Nettamente il più vivace e temibile dei suoi, manda in porta i compagni, accelera e ci prova pur contro una difesa che concede poco. E trova una rete splendida da fuori area.
Yeon-Kyo Oh 5,5 Il portiere coreano effettua alcuni buoni interventi, ma non sempre è sicurissimo, soprattutto sul secondo gol di Burruchaga.
Bum-kun Cha 5 Il più atteso dei suoi e il più noto, ma si vede pochissimo, cancellato dal campo dal duo Brown-Ruggeri.

I gol del match

Seguici

Altre storie di Goals

Euro 1968: finale Italia-Jugoslavia

La prima volta dell’Italia in Europa. È il 1968 e la nazionale batte la Jugoslavia a Roma conquistando il titolo europeo. Ecco il nostro podcast

1972 Girone: Polonia-Germania Ovest 1-3

Immagine di copertina: una curiosa immagine di Gerd Muller davanti a una porta, il suo elemento naturale Netta vittoria della Germania Ovest sulla Polonia nel

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua navigazione, se procedi nella navigazione ne accetti l'utilizzo.